Sabato 19 Ottobre 2019

Cronaca

Aggredito durante la "nottata" di Lanciano, rischia di perdere un occhio

15/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Aggredito durante la "nottata" di Lanciano, rischia di perdere un occhio

Picchiato da un branco di balordi, nella “nottata” delle Feste del settembre Lancianese, un giovane di 17 anni di Lanciano, rischia di perdere un occhio.

Nella “nottata” delle Feste del settembre Lancianese, intorno alle 5.30 del 14 settembre, un giovane di 17 anni, Emanuele Masciarelli di Lanciano, è stato brutalmente aggredito da un branco di balordi ed ora rischia di perdere un occhio. Il grave episodio di violenza è avvenuto in Largo Mario Bianco, in pieno centro, dove il minorenne è stato malmenato da sei giovani, sembra per futili motivi, forse per le avance e le molestie fatte dai sei alla sua ragazza.
Ora i genitori del giovane, il papà Davide in particolare, cercano l’aiuto dei possibili testimoni dell’aggressione per consentire di risalire con certezza ai sei coetanei della vittima autori del gesto ignobile che potrebbe costare al giovane la perdita di un occhio.
Secondo la ricostruzione dei fatti fornitaci dal papà, il figlio dopo essere stato alle giostre è giunto insieme alla ragazza nel parcheggio di via Bianco per andare a prendere il suo motorino alla stazione, ha incontrato i sei balordi i quali avrebbero iniziato ad insultarlo ed a prenderlo in giro forse riferendosi alla fidanzatina. Emanuele avrebbe risposto e da lì sarebbe iniziata la rissa. Il giovane è stato tramortito da calci e pugni uno dei quali lo ha colpito al volto rompendogli gli occhiali da vista. Il giovane è rimasto a terra. Subito dopo ha chiamato gli amici e la ragazza che lo hanno portato a casa. Poi viste le condizioni, un occhio dolorante e perdita della vista, i genitori lo hanno portato intorno alle sette al pronto soccorso. Emanuele aveva subito il danneggiamento della cornea, tagliata dalla lente degli occhiali. Trasferito a Pescara, alle dieci di ieri sera è stato operato con urgenza. Ora la speranza è che il giovane possa riacquistare la vista da quell’occhio. Lui non ricorda molto dell’aggressione subita. È ancora traumatizzato. Era solo. Sembra che in quel piazzale ci sia una telecamera esterna ad un esercizio commerciale. Ci si augura che fosse in funzione per tentare di dare un nome a questa banda di giovani violenti e senza scrupoli.



Ora i genitori del giovane, il papà Davide in particolare, cercano l’aiuto dei possibili testimoni dell’aggressione per consentire di risalire con certezza ai sei coetanei della vittima autori del gesto ignobile che potrebbe costare al giovane la perdita di un occhio.  I Carabinieri di Lanciano, in seguito alla denuncia dei genitori stanno indagando sulla vicenda.

Aggiornamento del 17 settembre 2019 - Aggressione durante la nottata di Lanciano, Emanuel sta meglio operazione riuscita

Aggiornamento del 19 settembre 2019 - Identificati gli autori dell'aggressione

Si tratta del secondo grave fatto di cronaca avvenuto nella Notte Bianca di Lanciano. Subito dopo i fuochi, quindi all’incirca nello stesso orario dell’aggressione al minorenne, un giovane di 26 anni si sporgeva inspiegabilmente dal parapetto di un terrazzone nei pressi dei “Viali” per poi cadere rovinosamente giù dalla balconata battendo la testa. Le sue condizioni sono gravi e si trova ricoverato all’ospedale di Pescara.



Ma non solo, sempre la notte del 14 settembre, numerose sono state le patenti ritirate dalla polizia per guida in stato di ebbrezza ed un automobilista 40 enne anche per uso di cocaina. Inoltre non sono mancati atti vandalici in città da parte di balordi che hanno rotto vasiere e rubato i fiori che adornavano il centro cittadino. Diversi commercianti hanno lamentato il fatto che gli ingressi dei loro negozi fossero stati imbrattati da escrementi umani. Insomma una notte dell’apertura delle Feste di settembre con un bilancio di fatti negativi non indifferente.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Vasto Sud, hanno recuperato in A14 nei pressi del casello di Poggio Imperiale , direzione Sud, un autocarro rubato nella notte in provincia di Milano

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, hanno sottoposto a sequestro le quote di una società di capitali operante nel settore immobiliare ed un’autovettura, riconducibili di fatto ad un imprenditore fallito già destinatario di misura cautelare nello scorso mese di maggio

Incidente stradale stamane intorno alle 9.45 sulla strada provinciale 23, poco distante dal centro abitato della frazione di Caprara di Spoltore, in provincia di Pescara.

Gli uomini del Capitano Vincenzo Orlando, nella tarda serata di ieri, nel corso di uno specifico servizio posto in essere per l’individuazione di potenziali spacciatori, nell’area della Val di Sangro hanno intercettato un veicolo Fiat Grande Punto con a bordo due giovani che, dopo aver effettuato una repentina manovra di svolta, riprendeva la corsa a forte velocità.