Domenica 28 Febbraio 2021

Politica

Ricostruzione post sisma, incontro a Palazzo Chigi, Legnini: cantiere normativo in via di definizione

04/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ricostruzione post sisma, incontro a Palazzo Chigi, Legnini: cantiere normativo in via di definizione

Il Commissario straordinario per la ricostruzione soddisfatto dell'incontro che il premier Conte ha voluto con presidenti di Regione e sindaci del centro Italia i cui territori sono stati colpiti dal terremoto.

"Oggi è stata una giornata importante, ringrazio il Presidente Conte per aver voluto incontrare i Sindaci e i Presidenti delle quattro Regioni del centro Italia. È stata occasione per valutare il netto miglioramento del quadro regolatorio della ricostruzione post sisma 2016-2017 e per ascoltare dai sindaci ciò che resta da fare sul personale, lo sviluppo economico del cratere e il rafforzamento degli strumenti per ricostruire borghi e cittá sicuri, sostenibili e connessi." Così il Commissario straordinario per la ricostruzione Giovanni Legnini dopo l'incontro avuto ieri a Palazzo Chigi con il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, i sindaci dei comuni colpiti dal sisma e una delegazione dei rappresentanti delle Regioni coinvolte.

"La doppia emergenza vissuta da quelle popolazioni richiede di destinare ai territori così duramente colpiti tutte le energie possibili sfruttando anche le nuove possibilità offerte dai meccanismi Europei come il Recovery Fund. - dcie Legnini - Con gli ultimi provvedimenti di legge, che dovranno essere perfezionati in Parlamento, e le nuove Ordinanze il cantiere normativo è ormai in via di definizione. A questo punto dobbiamo aprire i cantieri per ricostruire case ed imprese."

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Intervengono la Segretaria locale del partito e il Presidente del Consiglio Comunale Leo Marongiu.

Si è svolto nella serata di giovedì un incontro provinciale dei segretari dei circoli democratici attivi nei comuni che saranno chiamati al voto nella prossima tornata elettorale amministrativa.

Le somme rimodulate dalla Giunta regionale, pari ad 1,3 Mln di euro quale quota parte della Regione per la realizzazione dell'infrastruttura, hanno permesso di dare finalmente luce alla tanto attesa infrastruttura secondo un cronoprogramma ben dettagliato con termine per collaudo e messa in esercizio previsto per la fine del 2023.