Sabato 27 Novembre 2021

Cronaca

Lanciano, esce di casa e non rientra, al via le ricerche a tappeto di un 34enne

30/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, esce di casa e non rientra, al via le ricerche a tappeto di un 34enne

Il giovane sarebbe scomparso da mercoledì, quando intimorito per l'arrivo di un'ambulanza nella sua abitazione avrebbe fatto perdere le proprie tracce.

Sono in corso dal primo pomeriggio di oggi le ricerche, sul territorio di Lanciano, di un giovane, con problemi di salute, Antonio Costantino, 34 anni, residente in contrada Santa Giusta di Lanciano, che si è allontanato da casa da mercoledì scorso. Le ricerche hanno preso il via sabato quando i familiari dell'uomo hanno sporto denuncia ai Carabinieri della compagnia di Lanciano. Subito è stato attivato il piano provinciale per la ricerca di persone scomparse, che vede la direzione dei Vigili del Fuoco della Provincia di Chieti.

Le ricerche,  eseguite con l'ausilio di un elicottero dei Vigili del Fuoco, vedono l'impiego a tappeto di Carabinieri della Compagnia di Lanciano, dei Pompieri e dei volontari della Protezione civile di Lanciano. Da sabato sono state battute le zone rurali limitrofe all'abitazione e ieri ed oggi sono sono intensificate le azioni sull'intero territorio. Presente anche il sindaco Mario Pupillo. La zia dell'uomo ha postato su Fb un appello per chiedere l'aiuto della cittadinanza.

 

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Su interessamento dell'assessore Tonia Paolucci, domani saranno eseguite operazioni di spazzamento meccanico nel centro della città e nelle contrade. Al lavoro 15 operatori ecologici e 6 spazzatrici

“Occorrono decine di giorni per ripristinare la flora batterica degli impianti, purtroppo si agisce spesso con superficialità”, dice Pio 'D'Ippolito.

Il Presidente dell’Ater Lanciano, Fausto Memmo, “sosteniamo l’integrazione e l’inclusione sociale attraverso l’accelerazione delle vendite di alloggi agli inquilini in regola con il pagamento dei canoni e che hanno maturato il diritto all’acquisto dell’alloggio sociale.

Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Lanciano sono intervenuti per accertare la veridicità di quanto segnalato dalla SASI (Società Abruzzese per il Servizio Idrico Integrato) circa la presenza di scarichi anomali in ingresso al depuratore comunale “Renazze”.