Domenica 20 Settembre 2020

Cronaca

L'Aquila, incendio Arischia e Pettino, si conclude la quarta giornata di incessante lavoro di spegnimento

02/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Aquila, incendio Arischia e Pettino, si conclude la quarta giornata di incessante lavoro di spegnimento

Le operazioni riprenderanno domattina alle 5. Intanto questa notte le squadre di volontari della Protezione civile presidieranno le zone operative.

S' è conclusa la quarta intensa ed estenuante giornata di incessante lavoro per lo spegnimento degli incendi di Arischia e Pettino nell'aquilano, che ha visto impegnati 6 Canadair e 2 elicotteri supportati a terra da 82 Volontari della Protezione Civile con 26 mezzi, 85 Vigili del Fuoco con 37 mezzi ed il 9°Reggimento Alpini con 45 Uomini e 13 mezzi. La situazione sul fronte di Arischia per il momento non sembra destare forti preoccupazioni, la maggior parte delle forze è stata impiegata sul fronte di Pettino dove il vento ha fatto scendere pericolosamente i focolai in direzione delle abitazioni. Grazie al duro lavoro di squadra la situazione si può definire stabile, si provvede al rafforzamento della linea tagliafuoco con uomini e mezzi speciali dell’esercito.

Nel pomeriggio il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, si è recato presso il centro operativo che la Protezione civile regionale ha allestito nell’area limitrofa all’ospedale San Salvatore dell’Aquila. Qui si è intrattenuto con tutti gli operatori, la protezione civile regionale, quella comunale, i Vigili Del Fuoco e i tanti volontari che sono impegnati nelle operazioni di spegnimento degli incendi. Il presidente Marsilio ha ringraziato la struttura della Protezione civile regionale per il lavoro che si sta svolgendo, nonostante le difficoltà, per cercare di circoscrivere e spegnere ogni focolaio.  “Voglio ringraziare gli uomini e le donne che stanno lavorando interrottamente - ha dichiarato il presidente Marsilio - tutte le istituzioni locali e nazionali per il grande sforzo in atto. Ieri era presente metà della flotta aerea nazionale, tutta concentrata sull’Aquila. Oggi, purtroppo, a causa della concomitanza di altri otto incendi che si sono sviluppati sul territorio nazionale, si è stati necessariamente costretti a ridimensionare l’attività sull’Aquila. Chiedo infine che la magistratura faccia uno sforzo investigativo del massimo livello per individuare e stroncare definitivamente queste bande criminali che a intervalli regolari devastano i nostri boschi e i nostri parchi, mettendo in pericolo anche i centri abitati”. Oggi si è recato nella zona operativa anche il Vicepresidente della Giunta Regionale nonché Assessore all’Ambiente Emanuele Imprudente. 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

I Carabinieri del Norm di Atessa e i colleghi di Archi hanno atteso che la donna rientrasse in Italia per dare esecuzione al provvedimento di custodia cautelare ai domiciliari emesso nei suoi confronti.

Un innesto importante perché coincide con un momento delicato come quello della riapertura delle scuole, con tantissimi studenti abruzzesi che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico per le attività scolastiche.

Una settimana di intensa attività preventiva/repressiva volta ad arginare impropri comportamenti in ambito ferroviari ed a sensibilizzare i viaggiatori al rispetto delle misure anti covid – 19.