Giovedì 06 Ottobre 2022

Cronaca

Carabinieri Forestale sequestrano una discarica a Cepagatti

20/07/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Carabinieri Forestale sequestrano una discarica a Cepagatti

Foto repertorio

Nei guai un piccolo imprenditore del posto.

Militari del Nipaaf e del Nucleo Cites del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, con la collaborazione della Stazione Carabinieri di Cepagatti (PE), hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo a carico di un quarantenne, piccolo imprenditore del posto, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Pescara su richiesta del Pubblico Ministero della locale Procura, di una discarica abusiva di rifiuti pericolosi e non, nei pressi di Via Aurora a Cepagatti (PE).

I Carabinieri Forestali, insieme ai colleghi della Territoriale, a seguito della denuncia delle parti offese, hanno accertato che era stata realizzata abusivamente dall’indagato una discarica derivante dal ripetuto abbandono sul suolo di rifiuti pericolosi e non, tra cui lastre di Eternit, scarti di costruzione e/o demolizione, finestre, mobili e pneumatici fuori uso, carta e cartone, su una superficie di circa 300 m2 ed un’altezza dei cumuli di circa 1,5 m, nelle adiacenze di un capannone concesso dai proprietari in comodato d’uso.

“L’indagato” ha dichiarato il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “allo stato delle indagini, oltre al pagamento dell’eventuale sanzione amministrativa per la mancata autorizzazione idrogeologica a seguito della realizzazione di una pista di accesso, ancora da verificare, rischia l'arresto da uno a tre anni e l'ammenda da 5.200 a 52.000 euro nel caso venisse confermata la presenza di rifiuti pericolosi”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Controlli massicci nei cantieri del territorio per verificare il rispetto delle regole volte ad scongiurare incidenti e morti bianche

Il Comando Provinciale di Chieti, con più operazioni, ha sequestrato circa 31.000 articoli di cancelleria, abbigliamento e vario genere, in violazione dell’art. 474 del Codice Penale (introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi) e del D.Lgs. 206/2005 (Codice del Consumo).

Una donna di 37 anni a bordo di una Twingo è rimasta ferita, sembra in maniera non grave, dopo che la sua auto, in seguito ad un tamponamento si è ribaltata.

I militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale hanno accertato, nel comune di Torrevecchia Teatina, l’illecita gestione di rifiuti costituiti da scarti di lavorazioni edili, utilizzati impropriamente per la realizzazione di un fondo stradale e di una rampa di accesso ad un impianto sportivo.