Lunedì 06 Febbraio 2023

Sanità

Lanciano, accoglienza e cura del paziente disabile grave nel presidio ospedaliero frentano, tema di un convegno promosso da Asl e Comune

01/12/2022 - Redazione AbruzzoinVideo

L'ospedale Renzetti già da quattro anni ha avviato un percorso sperimentale nel reparto di ortodonzia che ha avuto un ottimo risultato ma sarà importante potenziarlo e avviarlo in altri reparti investendo risorse per attrezzature e formazione.

I pazienti con disabilità grave che entrano in ospedale per essere sottoposti alle cure sanitarie soffrono due volte, perchè hanno un problema nuovo di salute e non sono in grado di raccontarlo, ma anche perchè si trovano in un ambiente estraneo, senza gli strumenti di cui sono a disposizione nelle loro abitazioni per colmare le lacune dovute alle loro disabilità e vivono quindi nella struttura sanitaria che li accoglie momenti di grande stress, una sorta di trauma.

In vista della Giornata internazionale della disabilità che ricorre sabato 3 dicembre, si è tenuto stamane a Lanciano, nella sala Benito Lanci della Casa di Conversazione di Conversazione, un convegno, promosso da Ecad comune di Lanciano e Asl Lanciano Vasto Chieti, rivolto ad associazioni, medici, infermieri caregivers, ma anche ai cittadini, che sono coinvolti abitualmente nella gestione del paziente disabile, con l'obiettivo di costruire insieme un modello di accoglienza multidisciplinare caratterizzato da percorsi diagnostici di orientamento terapeutico differenziati, dedicati ai disabili gravi e gravissimi, al fine di migliorare l'approccio con il paziente così da rendere la sua permanenza nella struttura meno traumatica.

Il convegno ha visto la presenza degli assessori regionali Nicoletta Verì e Nicola Campitelli, del sindaco di Lanciano Filippo Paolini, dell'assessore alle politiche sociali e giovanili del comune Cinzia Amoroso, di dottori e dirigenti di reparto,  Daniele Tartaro responsabile UOSD odontoiatria Asl2, Daniela Albanese direttore UOC anestesia e rianimazione ospedale Lanciano, Giovanni di Girolamo, dirigente Odontoiatria Ospedale Lanciano, Arianna Manzi  DM UO anestesia e rianimazione ospedale Lanciano, Mariangela Capuzzi, assitente sociale  e Marco Alessandrini direttore dipartimento Salute Mentale ASl2 Abruzzo. Ma non solo, infatti in collegamento online hanno partecipato anche altri due illustri relatori, il professore Lorenzo Ghelma, Ricercatore Universitario in Chirurgia Generale del Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Milano, che nel 2000 ha partecipato alla nascita del Progetto DAMA,  dedicato all’accoglienza ospedaliera per le persone con grave disabilità intellettiva e neuromotoria e il professore Fausto Assandri presidente della società italiana di odontostomatologia per l'handicap di Milano.

La dottoressa Daniela Albanese direttore dell'unità operativa complessa, anestesia rianimazione e terapia del dolore dell'ospedale Renzetti ha sottolineato la bontà del percorso odontoiatrico per disabilità grave avviato da 4 anni nel nosocomio frentano e l'intento di cercare di consentire a questi pazienti una sempre più ampia offerta sanitaria. La dottoressa auspica che nell'ambito dei fondi del Pnrr si riservi una particolare atttenzione a questo tema, sia per poter attrezzare i reparti a livello logistico e di strumentazione ma anche per formare il personale sanitario all'accoglienza idonea dei pazienti con difficoltà gravi o gravissime interrelazionali. La dottoressa ha anche annunciato la creazione di un indirizzo Email dedicato accoglienzadisabili.lanciano@asl2abruzzo.it per chi ha bisogno di segnalare difficoltà ma anche per ricevere informazioni, sarà inoltre attivato un numero di telefono disponibile due volte a settimana.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Da ieri gli operatori del 118 di Chieti, gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto di Pescara, all’interno del quale hanno aperto un ambulatorio dedicato.

Il direttore Thomas Schael «La nostra Emodinamica è come se portasse il suo nome, perché lui l’ha voluta e costruita un pezzo alla volta, fino ad avere un reparto moderno, attrezzato e confortevole

Un nuovo macchinario di estrema precisione che consente maggior velocità e permette di passare dal trattamento di 500 pazienti all’anno a 800 prestazioni.

“Una donazione importante, che testimonia quanto sia preziosa per un ospedale l’attività del volontariato e delle energie positive che riesce a mobilitare”.