Marted 21 Marzo 2023

Sanità

Assistenza sanitaria in Aeroporto, ci pensa il 118 di Chieti

02/02/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Assistenza sanitaria in Aeroporto,  ci pensa il 118 di Chieti

Da ieri gli operatori del 118 di Chieti, gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto di Pescara, all’interno del quale hanno aperto un ambulatorio dedicato.

Garantiscono assistenza sanitaria in emergenza a viaggiatori e personale della struttura, attivi dalle 6 del mattino fino a mezzanotte, con reperibilità nelle ore notturne restanti. Sono gli operatori del 118 di Chieti, che dal 1° febbraio gestiscono il Primo Soccorso Aeroportuale all’Aeroporto di Pescara, all’interno del quale hanno aperto un ambulatorio dedicato.

Sotto la guida del Responsabile Adamo Mancinelli e del coordinatore infermieristico Michele Cozza, l’équipe interviene in tutte le situazioni che hanno carattere di urgenza, quali traumi, ferite, crisi pressoria, dispnea, dolore toracico, ma anche in stati ansiosi che alcuni passeggeri possono manifestare prima del volo. “Ma al di là dei casi singoli è alla gestione del Piano Emergenze Aeroportuale che prestiamo particolare attenzione - sottolinea Mancinelli - progettato per far fronte a fatti gravi ed eventuali disastri. E’ in momenti di crisi, infatti, che il nostro servizio deve esprimersi al massimo grado, garantendo efficienza e tempestività. Le esercitazioni in programma sono finalizzate proprio ad addestrare le nostre unità a intervenire in contesti difficili, con feriti da gestire e ambulanze da coordinare”. A tal fine l’Aeroporto è dotato delle cosiddette “scorte intangibili", vale a dire dispositivi quali barelle richiudibili, spirali, bombole di ossigeno, farmaci e coperte termiche da utilizzare in situazioni di particolare gravità.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il professor Rodolfo Mastropasqua del Policlinico Ud’A: “E’ il futuro”. E domani a Piazza Salotto controlli gratuiti per la prevenzione

La presentazione si è svolta all'Hotel Excelsior di Vasto, hanno preso parte all'evento tutti i medici del vastese, i sindaci, i farmacisti, i responsabili delle strutture sanitarie e pure alcune associazioni.

La conferenza dei servizi speciale ha approvato il progetto definitivo-esecutivo per il restauro, riuso adattativo e adeguamento funzionale dell’ex collegio Ravasco, elaborato dalla Asl.

Nella provincia di Teramo si stima che i soggetti in età adulta con insufficienza renale cronica siano oltre 17mila e quelli attualmente sottoposti a trattamento dialitico sono 197.