Lunedì 06 Febbraio 2023

Politica

Abruzzo, la Commissione europea annuncia approvazione Programma regionale del Fondo sociale europeo Plus

01/12/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Abruzzo, la Commissione europea annuncia approvazione Programma regionale del Fondo sociale europeo Plus

Marsilio: “Le azioni programmate nel PR FSE Plus 21-27 poggiano su politiche inclusive ed hanno come obiettivo il benessere degli individui, lo sviluppo sostenibile del territorio e il progresso sociale. Particolare attenzione, poi, è stata rivolta alle fragilità e agli squilibri territoriali presenti nella nostra regione”.

La Commissione europea, con una nota inviata all’Autorità di gestione dei fondi europei, Carmine Cipollone, ha approvato il Programma regionale del Fondo sociale europeo Plus. Si tratta di un traguardo significativo che dà il via libera alla programmazione regionale del FSE+ 2021-2027, le cui risorse, pari a 406 mln di euro, risultano triplicate rispetto al precedente ciclo di programmazione. “Con l’approvazione del nuovo Programma operativo dell’Fse Plus 2021-2027 – ha detto il presidente della Giunta regionale Marco Marsilio – l’Europa ci ha dato un chiaro segnale di fiducia che noi, come abbiamo fatto per la programmazione appena chiusa grazie all’accelerazione della spesa registrata negli ultimi anni, sapremo ripagare rispettando tutte le scadenze indicate dalla Commissione. Ma è altrettanto importante sottolineare come con l’FSE Plus si aprono prospettive nuove per i cittadini abruzzesi sul fronte del lavoro, della formazione, dell’istruzione e della coesione sociale”. Grazie all’incremento dei fondi, la Regione Abruzzo contribuirà al raggiungimento degli obiettivi strategici fissati dell’Unione europea nel Pilastro europeo dei diritti sociali. “Le azioni programmate nel PR FSE Plus 21-27 – come ha spiegato l’Adg, Carmine Cipollone – poggiano su politiche inclusive ed hanno come obiettivo il benessere degli individui, lo sviluppo sostenibile del territorio e il progresso sociale. Particolare attenzione, poi, è stata rivolta alle fragilità e agli squilibri territoriali presenti nella nostra regione”. Nello specifico, il P.R FSE+ si articola in cinque assi di intervento: all’Occupazione (Asse I) sarà destinato il 24% (97mln di euro) delle risorse disponibili, che andranno a promuovere interventi per incentivare l’assunzione di disoccupati, la creazione di nuove imprese, la riqualificazione professionale. Per l’Asse II, Istruzione e formazione, sono previsti oltre 101 mln di euro, il 25% della dotazione complessiva, che andranno a finanziare, tra l’altro, i voucher per l’alta formazione, gli Istituti tecnici superiori, i master di II livello. Parte rilevante, il 32% delle risorse, oltre 130mln di euro, saranno impiegati per l’Asse III, Inclusione e protezione sociale, con interventi per l’integrazione delle persone a rischio povertà e per le categorie svantaggiate. A tal proposito, saranno riproposti i bandi che hanno dimostrato di rispondere alle esigenze del territorio, come Abruzzo include, Agorà, gli interventi a favore dei Caregivers e il potenziamento dei Centri antiviolenza. Oltre 61 mln di euro (il 15% della somma complessiva) saranno invece utilizzati per promuovere e favorire l’occupazione giovanile (Asse IV), con incentivi specifici e azioni di microcredito. Alla assistenza tecnica del programma (Asse V) andrà il 4% delle risorse, circa 16 mln di euro.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il senatore abruzzese Etelwardo Sigismondi, capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Ambiente ed Energia di Palazzo Madama: Avanti su questa strada per il bene della Nazione”.

Ascolto e confronto con la Funzione pubblica sulla ricostruzione e sullo sviluppo delle imprese del territorio alla presenza di autorità locali stakeholder

Il segretario regionale Michele Lombardo: “No a disuguaglianze tra le regioni, sì alla crescita armonica del sistema economico e sociale”

La soddisfazione del Capogruppo della Lega in Consiglio Regionale, Vincenzo D’Incecco, dopo la pubblicazione della sentenza numero 9 del 2023 della Corte Costituzionale.