Marted 05 Luglio 2022

Economia

Dopo il successo a Eicma di Milano, continua l’ascesa della Rdm Ricambi, un’azienda tutta abruzzese diventata leader a livello Europeo nel settore ricambi per minivetture

05/02/2022 - Redazione AbruzzoinVideo

L’azienda della coppia di imprenditori Carmine Aimola e Romina di Menno di Bucchianico raggiunge tutti gli obiettivi del 2021 ed è pronta a nuovi ambiziosi traguardi, la sfida più importante è quella di coprire il 50% del fabbisogno europeo di ricambi per minicar.

“Siamo davvero entusiasti del successo ottenuto alla Fiera Eicma 2021 di Milano dove la nostra azienda ha attratto molti visitatori, italiani ed internazionali, un interesse crescente verso i nostri ricambi per minicar, prodotti italiani e di qualità che rappresentano un’ottima alternativa all’originale nel rapporto qualità prezzo”. È entusiasta l’imprenditore Carmine Aimola che insieme alla moglie, Romina Di Menno Di Bucchianico vede crescere ed affermarsi sempre più la sua azienda, la Rdm Ricambi, una bella realtà dell’automotive, nata nel 2007, che si trova a Lanciano, in provincia di Chieti, in Abruzzo.

L’imprenditore grazie ad una sua lungimirante intuizione, ad un radicato senso di sfida e alla sua determinazione, ha fatto sì che oggi la sua azienda sia riuscita ad essere un vero e proprio punto di riferimento per il settore ricambi minicar, leader dunque a livello europeo nell’emergente mercato aftermarket, ossia dei ricambi non originali.

“Un successo – continua Aimola – che ci lusinga e ci premia per la tenacia avuta in questi anni. Siamo di fatto l’unica azienda che riesca a soddisfare a 360 gradi le necessità di pezzi di ricambio per queste mini auto, l’unica alternativa valida e al servizio di tutti gli operatori che vendono e possiedono queste vetture che hanno così la possibilità di rifornirsi da noi acquistando prodotti di alta qualità a prezzi competitivi, rispetto all’originale”.

La Rdm Ricambi negli ultimi anni, in barba alla crisi economica, aggravata dall’emergenza Covid, ha raggiunto e superato ogni più rosea aspettativa, è riuscita ad aumentare notevolmente il suo fatturato, a far crescere la clientela italiana ed internazionale e questo grazie alle giuste scelte imprenditoriali e agli investimenti mirati posti in essere dalla grande lungimiranza e caparbietà dei due imprenditori, una coppia nella vita e nel lavoro, unita, giovane e determinata, con una grande voglia di crescere e di porsi sempre nuovi obiettivi importanti e ambiziosi.

“L’aver scelto di investire in questo settore è stato una vera sfida che stiamo vincendo grazie agli investimenti e all’ampliamento della gamma di prodotti. Chi decide di acquistare una minicar spesso se ha bisogno di un ricambio si trova spaesato e se non riesce a trovare una soluzione immediata rivolgendosi al produttore del mezzo non avrebbe alcuna alternativa, invece la Rdm offre proprio quell’alternativa valida con prodotti di qualità e molto competitivi rispetto all’originale. Offriamo, al cliente che si rivolge a noi, una vasta gamma di articoli proponendoli in tre versioni diverse, economy, medium e di alta qualità, tre tipologie con differenti prezzi che variano l’uno dall’altro circa il 20-30 %.

“Crediamo – spiega Aimola – che la nostra scelta vincente sia quella di continuare ogni mese ad arricchire la gamma di prodotti che risulta sempre nuova e all’avanguardia. Pensate che in media ogni mese inseriamo 30-40 nuovi pezzi di ricambio, dalla carrozzeria alla parte meccanica, dal motore alla parte elettrica e alle sospensioni, rendendo sempre più completo il servizio offerto al cliente, che riesce a trovare da noi la totalità degli articoli e quindi continua a rivolgersi alla nostra azienda perché resta soddisfatto”.
Una scelta senza dubbio determinante, che ha consentito alla Rdm di farsi conoscere, non solo in Italia ma a livello internazionale, è stata senza dubbio l’e-commerce, sul quale gli imprenditori frentani hanno deciso di investire da alcuni anni con grandi risultati e con una clientela sempre in crescita.

Un sito internet sempre aggiornato, da consultare con facilità da parte di tutti i possessori di minicar, per poter controllare il prezziario, la disponibilità dei pezzi di ricambio ma anche le novità del settore, rappresenta senza dubbio un valore aggiunto per il successo dell’azienda.

Sulla scorta degli importanti risultati ottenuti nel 2021 gli imprenditori Carmine Aimola e Romina Di Menno di Bucchianico, insieme al loro team, già sono pronti con nuove ambiziose sfide per il 2022 e per i prossimi 5 anni.

“In primis – spiega Carmine Aimola – abbiamo in corso la produzione dei riduttori differenziali dei nuovi modelli Aixam e di quelli dei nuovi modelli Ligier, che sono stati interamente progettati in italia, in collaborazione con un’azienda italiana, realizzati modificando e migliorando alcuni aspetti tecnici così da renderli equivalenti ai prodotti originali”.

“La nostra azienda ha utilizzato sin dagli inizi del 2007 per quanto riguarda lo stampaggio di parti di carrozzeria non originali, stampi in resina per la realizzazione delle parti in plastica, la novità è rappresentata dall’introduzione di stampi interamente in alluminio, una scelta mirata e studiata che consentirà un notevole miglioramento della qualità finale del prodotto, equiparabile davvero all’originale.”

Altro obiettivo da concretizzare entro l’anno appena iniziato è la realizzazione di parti del motore Lombardini, per minicar, un prodotto che vedrà l’azienda Rdm esordire come la prima sul mercato, in quanto al momento non esiste alcuna realtà che si è spinta in questa sfida. “Un’azienda come la nostra – dice Aimola con grande soddisfazione – non esiste nel panorama internazionale, poiché le altre, realizzano solo alcuni componenti ma non riescono ad offrire al cliente la vasta gamma di prodotti che offriamo noi, riuscendo così a soddisfare a 360 gradi le esigenze di chi possiede una minivettura.”

Ma non finisce qui, come spiega l’imprenditore, un altro tassello importante sarà rappresentato dalla realizzazione della componentistica degli ultimi modelli minicar sul mercato, in modo da essere al passo con le nuove produzioni. Carmine Aimola annuncia poi l’ampliamento dell’azienda dagli attuali 3200 metri quadri a circa 5mila nel 2022 ed entro il 2027 l’obiettivo di portare a termine progetti che mirano a raggiungere una copertura del 50% del fabbisogno europeo dei ricambi per minicar, tra originali e non originali. Insomma una pianificazione dettagliata e corposa di risultati da raggiungere per continuare a crescere con serietà e determinazione, con il grande desiderio di emergere sempre più e brillare in questo settore per qualità e prezzi concorrenziali.

“Abbiamo iniziato il nuovo anno reduci dalla fiera e soddisfatti dai risultati ottenuti nella vetrina internazionale delle due ruote a Milano, ma ancor più soddisfatti del bilancio virtuoso raggiunto dall’azienda nel 2021. Un anno in cui non sono mancate le preoccupazioni e le incertezze dovute all’emergenza sanitaria e alla conseguente crisi economica in corso, ma ne siamo usciti vincenti, sia grazie ai giusti investimenti fatti sui nuovi prodotti, ma anche grazie alla decisione di inserire nuove figure nell’azienda, di vari profili professionali, che si sono dimostrate fondamentali per la nostra crescita.

Nel nostro team sono entrati a far parte professionisti della logistica e del commerciale, a completare l’organico la collaborazione con figure esterne per quanto riguarda il settore marketing, ecommerce e piattaforma internet. L’inserimento di questi tasselli si è dimostrato importantissimo per la nostra realtà aziendale, rendendo possibile il raggiungimento di questi obiettivi. Risultati che rappresentano per noi motivo di orgoglio e che ci caricano di ancora più entusiasmo ed energia per guardare al futuro della Rdm Ricambi con ottimismo e fiducia”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nel corso dell’incontro verranno illustrate le linee di indirizzo programmatiche della Giunta Regionale che sostengono la Priorità V “Riequilibrare l’Abruzzo per un benessere diffuso” del Programma regionale FESR 2021-2027.

Davide Caporale: sarà applicato un canone unico e saranno definite determinate distanze da rispettare per la collocazione di attrezzature e manufatti, removibili, che potranno essere ubicati ad almeno due metri dal ciglio della pista ciclopedonale

L'azienda sta attraversando un momento di calo imprevisto, riconducibile alla mancanza di materiali, non alla richiesta che continua ad essere molto importante.