Marted 05 Luglio 2022

Economia

Covid Abruzzo: D’Amario, per i contributi ai B&B c’è tempo fino al 19 giugno

09/06/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Covid Abruzzo: D’Amario, per i contributi ai B&B c’è tempo fino al 19 giugno

Prorogato il termine ultimo per la presentazione delle domande di ristoro per i B&B non professionali che hanno patito riduzioni di fatturato nel periodo dell'emergenza sanitaria

Su indicazione dell'assessore alle Politiche turistiche, Daniele D'Amario, gli uffici hanno fissato alla mezzanotte di domenica 19 giugno 2022 la nuova scadenza entro la quale il titolare di B&B può richiedere il ristoro economico.

"E' una misura che vuole venire incontro alle esigenze della categoria di operatori turistici, concedendo loro più tempo per presentare le istanze - sottolinea D'Amario -. Riteniamo che la misura messa in campo dalla Regione Abruzzo rappresenti un'occasione che i titolari di B&B non possono farsi sfuggire. Le risorse messe a disposizione, pari ad un milione di euro, sono sufficienti per finanziare adeguatamente le richieste di ristoro che arriveranno. Per questo - conclude l'assessore - invito gli operatori a sfruttare al meglio la proroga concessa nella prospettiva concreta di ottenere un ristoro soddisfacente".

È il caso di ricordare che le domande per accedere ai contributi per i B&B vanno presentate esclusivamente sulla piattaforma informatica dello sportello digitale della Regione Abruzzo, al quale si può accedere solo con SPID con accesso al seguente link: https://www.regione.abruzzo.it/content/contributi-favore-dei-titolari-dei-bb-conduzione-familiare-privi-di-partita-iva.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Nel corso dell’incontro verranno illustrate le linee di indirizzo programmatiche della Giunta Regionale che sostengono la Priorità V “Riequilibrare l’Abruzzo per un benessere diffuso” del Programma regionale FESR 2021-2027.

Davide Caporale: sarà applicato un canone unico e saranno definite determinate distanze da rispettare per la collocazione di attrezzature e manufatti, removibili, che potranno essere ubicati ad almeno due metri dal ciglio della pista ciclopedonale

L'azienda sta attraversando un momento di calo imprevisto, riconducibile alla mancanza di materiali, non alla richiesta che continua ad essere molto importante.