Marted 25 Giugno 2024

Economia

Brioni, nuovo incontro con il Mise per annunciare i progressi ottenuti nel Piano industriale 2021 2025

19/10/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Brioni, nuovo incontro con il Mise per annunciare i progressi ottenuti nel Piano industriale 2021 2025

Nonostante i progressi è stato necessario procedere con la risoluzione consensuale dei rapporti con 245 lavoratori ed avviare la procedura di mobilità per altre 24 risorse.

Nuovo incontro telematico di aggiornamento dei vertici della Brioni con il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), alla presenza dei rappresentati del Ministero del Lavoro, della Regione Abruzzo, della Regione Lombardia, di Confindustria Chieti Pescara e delle Segreterie Nazionali e Territoriali delle sigle sindacali rappresentate in Azienda,  per illustrare i risultati finora ottenuti nell'ambito dell’attuazione del Piano Industriale 2021-2025.

In particolare, nel corso dell’incontro con il MiSE, Brioni ha illustrato i numerosi progressi conseguiti negli ultimi mesi grazie all’attuazione del Piano tra cui: la creazione di due nuove linee produttive, il progetto di un nuovo impianto logistico, l’incremento della produzione infragruppo, il lancio della nuova campagna di comunicazione e i cinque nuovi opening internazionali.

"Tali progressi hanno consentito un miglioramento di tutti i principali indicatori economico-finanziari, a conferma della validità delle linee strategiche e nelle attività operative presentate e nonostante le tensioni geopolitiche internazionali e il conseguente forte aumento del costo dell’energia e delle materie prime e le difficoltà legate ai ritardi nella supply chain che hanno fortemente aggravato il contesto macroeconomico nell’arco temporale del Piano." Si legge nella nota dell'azienda. "Come già indicato, il Piano prevede inoltre una razionalizzazione dei costi e un ridimensionamento dei siti produttivi di Penne (Pescara), Montebello di Bertona (Pescara) e Civitella Casanova (Pescara) per riportare Brioni a livelli di efficienza e redditività sostenibili nel lungo periodo. In tale direzione circa 245 risorse hanno già sottoscritto specifici accordi per la risoluzione consensuale incentivata dei propri rapporti, ma, nonostante i numerosi progressi conseguiti, Brioni si trova costretta a proseguire nel percorso già presentato e finalizzato a rendere stabilmente più agile la propria struttura e ha pertanto avviato le procedure di mobilità collettiva per ulteriori circa 24 risorse dirette e indirette con l’obiettivo di mettere in atto tutte le azioni necessarie e improrogabili per la crescita e lo sviluppo del brand. Tali interventi, considerando anche i diversi ricollocamenti di personale effettuati dalla Società in linea con gli impegni più volte espressi, porteranno tuttavia a circa 260 il numero di risorse complessive interessate dalle misure del Piano, in sostanziale miglioramento rispetto ai 321 lavoratori diretti ed indiretti di produzione originariamente previsti, a ulteriore conferma dell’efficacia delle azioni attuate negli ultimi mesi".

"La Società, ribadendo nuovamente la propria ferma intenzione di voler continuare a procedere in una logica di confronto costruttivo e di dialogo costante con le Organizzazioni Sindacali e con tutte le parti al fine di poter mettere in atto tutte le azioni necessarie per la difesa e il rafforzamento del marchio, ricorda altresì che fino al 31 dicembre 2022 presso tutti i propri siti produttivi vengono utilizzati tutti i principali ammortizzatori sociali disponibili, oltre alla C.I.G.S. per crisi aziendale".

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di Pescara

Potrebbero interessarti

"Se permetteremo ai veicoli elettrici cinesi, fortemente sovvenzionati dal governo, di invadere il mercato europeo e, allo stesso tempo, l’Unione non abolirà il divieto di produrre veicoli con motori a combustione a partire dal 2035, rischiamo di perdere l’industria automobilistica europea come la conosciamo".

Convegno ieri pomeriggio, nella Sala Orofino di Confindustria Abruzzo Medio Adriatico a Pescara, dal titolo "Messico: meta di nuove opportunità per le imprese italiane.

A ritirare il premio sono stati i fratelli Di Carlo, Umberto (Presidente) e Tonino, fondatori e proprietari di Tekneko, che hanno espresso grande soddisfazione per questo traguardo raggiunto.

Il patron Valerio Angelucci: “Orgogliosi e soddisfatti del lavoro che svolgiamo ogni giorno”