Lunedì 04 Marzo 2024

Economia

Alla IMM Hydraulics crescono occupazione e investimenti.

26/06/2023 - Redazione AbruzzoinVideo

“Negli ultimi mesi sono state assunte oltre 100 persone” dice l'Amministratore delegato Marcello Di Campli. La IMM è una azienda che negli ultimi anni ha registrato una crescita importante in termini di fatturato, di assunzioni e pure di investimenti.

“Negli ultimi mesi sono state assunte oltre 100 persone, abbiamo anche acquistato un terreno e stiamo procedendo agli interventi necessari per renderlo di fatto funzionale, si tratta di un ampliamento di circa 6000 metri quadri in aderenza allo stabilimento esistente – sottolinea Marcello Di Campli Amministratore delegato – per meglio rispondere alle attuali esigenze. Siamo di fronte a un sistema estremamente fluido che richiede un impegno e un'attenzione notevoli. Ci stiamo muovendo consapevoli di questa complessa e fluttuante condizione e credo che la strada intrapresa sia quella giusta. Abbiamo messo in campo una serie di forze, idee, progetti e, grazie agli investimenti fatti negli ultimi anni, con obiettivi ben precisi e condivisi, siamo riusciti a centrare risultati importanti. Siamo una squadra, ognuno con il proprio ruolo e competenza, si lavora in un clima sereno, il sentimento che contraddistingue la nostra azienda è proprio il senso di appartenenza, l'orgoglio di far parte di un grande gruppo, conservando però l'identità e i valori che da sempre hanno contraddistinto la IMM. Siamo l'espressione di un territorio forte e gentile che non si arrende alle difficoltà. Lo abbiamo dimostrato nel corso dell'emergenza Covid”.

 

E i numeri disegnano in termini inequivocabili un quadro più che confortante. “Il 2022 si è chiuso con le vendite in crescita di oltre il 20 per cento e un portafoglio ordini che si mantiene a livelli particolarmente elevati – continua Di Campli - Le nostre previsioni per il 2023 sono di una stabilizzazione degli ordinativi. Operiamo, lo ribadisco, in uno scenario dominato dall'incertezza dovuta all'instabilità politica legata alla guerra in Ucraina e agli andamenti del prezzo del gas e dell'energia. Comunque il 2023 sarà anche l'anno dell'avvio di un significativo piano di sviluppo che grazie al previsto ampliamento dovrebbe migliorare la logistica e i flussi produttivi. Tengo a precisare che l'80 per cento dei nostri prodotti viene realizzato in Italia. Inoltre da 343 persone del 2020 siamo arrivati a 502 nel 2022 principalmente nel sito di Atessa - Val di Sangro. Altro rilevante aspetto è il rapporto positivo con le organizzazioni sindacali, pur nelle differenze di ruolo e di vedute il dialogo è sempre costruttivo, improntato al rispetto reciproco. Questo clima di sereno confronto è un presupposto indispensabile per i progetti di sviluppo futuro”conclude l'amministratore delegato.

 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa

Potrebbero interessarti

Giangiulli e Saraullo: "Tavolo di lavoro con tutti i soggetti interessati per adeguare la normativa urbanistica e puntare su servizi ed accoglienza"

L'Abruzzo prima Regione del Centro sud a firmare l’accordo con una dote più alta delle altre Regioni. L’annuncio della Meloni: «La Roma-Pescara di farà»

La presenza dell'amministratore delegato Carlos Tavares e di Jean Philippe Imparato, responsabile della Pro One Business Unit, sottolinea l'importanza strategica dello stabilimento, che mira a raddoppiare le vendite entro il 2030, in linea con il piano Dare Forward 2030 di Stellantis.

Esaminati progressi e prospettive del Polo che, con oltre 10 anni di attività e 130 imprese coinvolte, propone una revisione della Smart Specialisation Strategy per contribuire in modo significativo allo sviluppo regionale.