Giovedì 20 Giugno 2024

Cronaca

Tre vitellini gemelli, parto rarissimo in stalla a Rocca di Mezzo

25/05/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Tre vitellini gemelli, parto rarissimo in stalla a Rocca di Mezzo

Il proprietario dell’azienda Carriti: “Non era mai accaduto, che sia di buon auspicio per il nostro paese”

Rocca di Mezzo. Un parto rarissimo sull’Altopiano delle Rocche, in una delle stalle dell’azienda che fa capo a Giannicola Carriti, 41enne di Rocca di Mezzo: sono nati tre vitellini gemelli.

Si tratta di un parto rarissimo. “Da quando alleviamo questi animali non era mai accaduto”, racconta Carriti, “in trent’anni di azienda non ne abbiamo memoria. Su questo territorio non è mai stato raccontato”.

Carriti ha 41 anni e racconta dell’emozione quando la mucca, una frisona italiana, poco più di una settimana fa, ha partorito i tre piccoli. Il timore è che non sopravvivessero tutti e invece è andato tutto bene. Mentre mostra i tre vitellini, la mamma ci guarda la lontano. I tre piccoli sono due maschi e una femmina.

Il papà invece è un toro di razza chianina. Sta nel locale di fianco. Carriti racconta che nella sua stalla d’estate arrivano i turisti romani con i bambini. “Ci raccontano che i pediatri in città consigliano di far visita ai nostri allevamenti. A Rocca di Mezzo si può godere di aria buona e di natura e anche l’odore della stalla fa bene, perché è salutare, al posto dello smog”.

Il parto c’è stato nella stalla in località Colle Rosa. Qui tutto accade sotto lo sguardo vigile di un enorme cane pastore. Si chiama Orso e si avvicina solo per accertarsi delle nostre buone intenzioni. Gli altri animali sono al pascolo nella zona del Sirente. L’azienda ha 30 anni ed è stata tramandata di padre in figlio. Prima il nonno Nicola, poi il papà Ennio e ora Giannicola Carriti. Si allevano animali per la carne e per il latte. Questo viene acquistato e distribuito, non solo sull’Altopiano delle Rocche.

“Abbiamo circa 250 capi e riusciamo anche a dare lavoro a un paio di dipendenti che tutti i giorni affrontano questo lavoro con passione”, racconta Carriti che è anche consigliere comunale di minoranza.

“Che questo parto così raro sia di buon auspicio per questo paese”, va avanti l’allevatore che tra qualche giorno tornerà nella competizione elettorale nella lista del candidato sindaco Emilio Nusca.

“Questo posto ha bisogno di autenticità”, conclude, “dobbiamo riportare le persone, legandole al territorio, alle tradizioni, alle usanze e ai vecchi mestieri. Altrimenti qui si rischia di scomparire. Bisogna impegnarsi e metterci la faccia. Oggi Rocca di Mezzo si presenta spenta, manca di attrattiva. E non è giusto, perché noi abbiamo la fortuna di vivere in posti ricchi di ogni tipo di bellezza offerta dalla natura. Di monti soprattutto e di tutta quella ricchezza che solo le montagne sanno regalare”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di L'Aquila

Potrebbero interessarti

Nel fine settimana appena trascorso, la Polizia di Stato di L’Aquila ha intensificato i controlli stradali per contrastare l’eccessiva velocità e i comportamenti scorretti, specialmente da parte di numerosi motociclisti che, durante il periodo estivo, preferiscono le strade di montagna della provincia.

Tre giovani, due di origine egiziana e uno tunisino, sono stati trovati in possesso di circa 40 grammi di hashish e denunciati per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Il Col. Iadarola ha presentato l’inno ufficiale della fondazione, il brano “Non Avere Paura…Di Te”, una melodia composta, nella musica e nel testo ed interpretata live dallo stesso autore, l'Appuntato Giorgio Di Pietrantonio del Comando Provinciale Chieti.

Sequestrate piantagioni di cannabis coltivata in casa, pasticche di superdroga "blue punisher" e panetti di hashish e cocaina nascosti sul tetto