Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Sulmona, infrange le prescrizioni, la Polizia arresta 31enne, era stato affidato ai servizi sociali

24/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Sulmona, infrange le prescrizioni, la Polizia arresta 31enne, era stato affidato ai servizi sociali

In preda ad una forte alterazione psichica, ha bloccato la circolazione stradale di Sulmona mentre era alla guida di un furgone, insultando e lanciando sassi ai passanti.

Nella giornata di oggi gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sulmona hanno arrestato e tradotto in carcere B.L., 31enne pluripregiudicato per reati inerenti agli stupefacenti, reati di violenza contro le persone e reati contro il patrimonio, già affidato ai servizi sociali. L’ordinanza di custodia in carcere è stata emessa dal Tribunale di Sorveglianza dell’Aquila a seguito di alcune violazioni del provvedimento con cui era stato concesso al giovane il beneficio di scontare la pena detentiva con la misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali.

L’arrestato, più volte controllato dagli uomini del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Sulmona in compagnia di pregiudicati, anche con precedenti specifici agli stupefacenti, nella scorsa settimana, in preda ad una forte alterazione psichica, ha bloccato la circolazione stradale di Sulmona mentre era alla guida di un furgone, insultando e lanciando sassi ai passanti. Non pago delle sue azioni, all’intervento immediato dei militari della Compagnia dell’Arma dei Carabinieri di Sulmona opponeva resistenza, oltraggiandoli e minacciandoli nel contempo. Il 31enne sulmonese dovrà scontare la restante pena, in carcere, dove resterà sino ad aprile 2023.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Sulmona Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.