Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Spoltore, è morto l'uomo rimasto ustionato mentre accendeva il barbecue

10/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Spoltore, è morto l'uomo rimasto ustionato mentre accendeva il barbecue

Il 69enne era stato ricoverato a Parma per le gravi ustioni riportare.

Dopo 20 giorni di cure disperate, è morto ieri mattina, all'ospedale Maggiore di Parma, dove era ricoverato dal 20 Giugno, Mario Marino, il 69enne rimasto ustionato mentre, nella sua abitazione in località Caprara, stava accendendo il barbecue per fare la brace. Il 69enne aveva riportato ustioni di secondo grado sul 25 per cento del corpo, in particolare sul tronco e sulle gambe. Dopo essere stato condotto in ospedale a Pescara le sue condizioni eran parse subito serie ed era stato pertanto trasferito nel Centro grandi ustionati di Parma, dove era in prognosi riservata e dove le sue condizioni si sono improvvisamente aggravate, fino a portarlo alla morte.  Sconvolta l'intera comunità che si è stretta attorno ai familiari. Mario Marino lascia la moglie Clara, i figli Monia, Nunziatina e Oscar.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.