Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Bancarotta fraudolenta, la Guardia di Finanza di Pescara arresta 4 abruzzesi su ordine della Procura di Milano

10/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Bancarotta fraudolenta, la Guardia di Finanza di Pescara arresta 4 abruzzesi su ordine della Procura di Milano

Gli arrestati, secondo quanto emerso dalla indagini delle Fiamme Gialle avrebbero distratto denaro e beni per oltre 300mila euro oltre a quelli di natura fiscale per 300mila euro.

Sono state eseguite all'alba, da parte dei Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Pescara (con l’ausilio dei Reparti del Corpo de L’Aquila e Martina Franca), quattro misure cautelari emesse dalla Procura della Repubblica di Milano – Sost. Proc. Dr. Luigi Luzi – in relazione al fallimento di una società avente sede legale a Milano ed operativa a Silvi (TE), ma di fatto gestita da soggetti pescaresi. In relazione alla vicenda sono finiti agli arresti quattro abruzzesi, tre residenti in provincia di Pescara ed uno in provincia di L'Aquila, ritenuti responsabili, a vario titolo, del crac della società meneghina, operante nel settore del commercio all’ingrosso, importazione ed esportazione di prodotti in plastica. Ai quattro indagati, amministratori formali e di fatto della società fallita, al termine delle minuziose e capillari indagini svolte dalle Fiamme Gialle di Pescara, culminate con l'emissione dei provvedimenti restrittivi da parte dell'Autorità Giudiziaria lombarda, sono stati contestati, tra gli altri, i reati di bancarotta fraudolenta e documentale, per aver distratto denaro ed altri beni per oltre 300.000 euro, oltre quelli di natura fiscale, connessi alla mancata presentazione delle dichiarazioni dei redditi per 350.000 euro ed agli omessi versamenti di imposte oltre che per reati di falso e di sostituzione di persona. Infatti, nel corso delle indagini, i Finanzieri pescaresi hanno accertato, attraverso una mirata attività investigativa, la vera identità di colui che, sotto falso nome, risultava essere l'amministratore della società, il quale, pluripregiudicato per reati specifici, utilizzando false generalità, aveva stipulato numerosi contratti di fornitura di merce, atti notarili e contratti di noleggio di autovetture oltre che aver proceduto all'attivazione di rapporti bancari e di numerose schede telefoniche. A tale risultato si è pervenuti, a seguito dello sviluppo di numerose segnalazioni di operazioni finanziarie sospette, mediante la ricostruzione dei flussi finanziari e le connesse indagini bancarie e patrimoniali, nonché con acquisizioni di documentazione contabile ed amministrativa, che hanno fatto emergere le condotte distrattive oltre che gli illeciti di natura fiscale e le falsità in atti. I quattro arrestati, su disposizione del GIP presso il Tribunale di Milano – Dr. Valerio Natale, sono stati posti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, in attesa degli interrogatori di garanzia che si terranno nei prossimi giorni. L’attività portata a termine dalle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Pescara, ha inferto un durissimo colpo all’organizzazione criminale, a testimonianza del costante impegno profuso dal Corpo e dall’Autorità Giudiziaria a tutela del sistema economico legale e a garanzia del tessuto imprenditoriale sano del Paese, attraverso il contrasto a condotte illecite poste in essere da pseudo-imprenditori che, troppo spesso, celano, dietro le difficoltà dovute alla perdurante crisi economica, le loro attività fraudolente, fatte di appropriazioni e distrazioni di beni societari a discapito, il più delle volte, dei fornitori, dei propri dipendenti e delle casse dell’Erario.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si registra un'importante adesione della cittadinanza alla campagna anticovid sul territorio del chietino

Lo prevede l'ordinanza firmata nella serata di sabato dal governatore Marco Marsilio.

La vittima, una donna di nazionalità romena, da tempo veniva vessata ed aggredita dal suo ex fino a dover ricorrere ad un centro antiviolenza.

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.