Venerdì 24 Maggio 2024

Sanità

Scarpine in dono ai bimbi prematuri della Terapia intensiva dell'ospedale di Chieti

05/12/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Scarpine in dono ai bimbi prematuri della Terapia intensiva dell'ospedale di Chieti

Adriana, una nonna di Lanciano, ha voluto omaggiare l'Unità operativa e i piccoli venuti alla luce troppo presto con le babbucce fatte ai ferri da lei.

A distanza di quattro anni, nello stesso giorno in cui il suo nipotino appena nato era stato ricoverato alla Terapia intensiva neonatale dell'ospedale di Chieti, ha voluto fare dono al reparto di scarpine a disposizione dei bimbi prematuri. Adriana è una nonna di Lanciano, bravissima a lavorare con ferri e uncinetto, che ha voluto omaggiare l'Unità operativa e i piccoli venuti alla luce troppo presto o con problemi di salute offrendo loro babbucce in lana anallergica, delicate e colorate. Un gesto tenero, come lo sono quelli delle nonne, e che acquista un significato ancora più bello. Il dono è stato consegnato dal figlio Stefano, accolto in reparto dalla coordinatrice Maria Giustina Giardinelli e dalle dottoresse Claudia D'Egidio e Mariangela Conte, le quali nell'occasione hanno ricordato l'importanza del trasporto neonatale attivato nel territorio della Asl Lanciano Vasto Chieti, che ha permesso anche al nipotino di Adriana di ricevere subito le cure di cui aveva bisogno.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il presidente della Regione Abruzzo ha fanno visita stamane alla ‘Casa della Salute mobile’ nella sua tappa a Carsoli, un camper itinerante per promuovere salute e benessere pubblico.

Guerino Testa, deputato abruzzese di Fratelli d’Italia, ha partecipato alla presentazione del terzo volume 2024 del "One Health Journal" e della terza edizione del "One Health Award".

Nuovo Primario. Alessandra Ricciardulli, che già negli ultimi mesi ha ricoperto il ruolo di responsabile del reparto in attesa della definizione del concorso, è stata nominata Direttore dell’unità operativa,

“Non ci sono buchi assistenziali all’hospice di Lanciano, che non corre alcun rischio per il futuro”.