Domenica 14 Aprile 2024

Sanità

Medicina d'urgenza, il 118 di Chieti premiato per la gestione dell'ictus

14/02/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
Medicina d'urgenza, il 118 di Chieti premiato per la gestione dell'ictus

E’ arrivato l’annunciato e atteso premio “Diamond status” attribuito al 118 di Chieti nell’ambito dell’iniziativa “Angels” dei Servizi Medici di Emergenza (EMS) per le attività territoriali in caso di ictus.

Com’è noto, si tratta di un’iniziativa sotto l’egida della Società Europea di Medicina d’Emergenza, finalizzata a creare una comunità globale di stroke unit e ospedali stroke ready che lavorano ogni giorno per migliorare la qualità del trattamento di ciascun paziente colpito da tale patologia. A consegnarlo nelle mani del responsabile 118 Adamo Mancinelli è stata Alessia Sartori, referente per il Centro Italia di Angels Awards, alla presenza del Direttore del Dipartimento Emergenza Urgenza Emmanuele Tafuri, del Coordinatore Michele Cozza e degli operatori che materialmente avevano raccolto i dati, Marianna Candido, medico, e Andrea Girolami, infermiere. 

La Centrale di Chieti ha conquistato il livello più alto del riconoscimento, il Diamond, che la classifica come “eccellente” per tempistica, trattamento e recupero dei dati del paziente, operazioni fondamentali per assicurare cure e assistenza tempestive in ospedale: il trattamento precoce dell’ictus, infatti, è fondamentale per evitare disabilità e limitazioni. Insomma, più di una medaglia: un bollino di qualità.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Portano la firma delle professoresse Laura Bonanni e Francesca Santilli

Significativo anche il risultato di Pescara, nona tra le città oltre i 100mila abitanti, unico capoluogo del centro Sud a entrare nella top 10 delle maggiori città italiane.

Si tratta di una vera e azione in rete sul territorio di associazioni ed enti. Un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo.

Tra i 10 progetti ammessi , che si contendono il premio dal valore di 10 mila euro, è stato dunque inserito quello proposto dal Direttore della Chirurgia a indirizzo senologico del “Bernabeo”,