Venerdì 12 Aprile 2024

Sanità

In pensione Nicola Maddestra, il “papà” dell’Emodinamica di Chieti

01/02/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
In pensione Nicola Maddestra, il “papà” dell’Emodinamica di Chieti

Il direttore Thomas Schael «La nostra Emodinamica è come se portasse il suo nome, perché lui l’ha voluta e costruita un pezzo alla volta, fino ad avere un reparto moderno, attrezzato e confortevole

Ci sono medici che amano così tanto il proprio lavoro da finire col farne parte di sé. Dire Emodinamica a Chieti è dire Nicola Maddestra, perché scatta un’identificazione immediata tra l’uomo e la sua professione. Con il suo impegno instancabile ha rivitalizzato cuori acciaccati, ridato speranza a migliaia di persone che vedevano la propria vita in bilico.

"Ha dato tanto alla sanità pubblica, il massimo, e ora è giunto per lui il tempo di prendersi il giusto riposo e quello spazio personale che spesso ha sacrificato per il lavoro. Da oggi Maddestra è in pensione, con la serenità di chi può guardare alla propria storia professionale con una punta di orgoglio, consapevole di aver passato quarant’anni intensi, impegnativi e bellissimi".

Si legge in una nota della Asl Lanciano vasto Chieti.

«La nostra Emodinamica è come se portasse il suo nome, perché lui l’ha voluta e costruita un pezzo alla volta, fino ad avere un reparto moderno, attrezzato e confortevole - sottolinea il direttore della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael -. La sua duplice competenza in cardiologia e radiologia gli ha permesso di importare tecniche di impianto all’avanguardia e ai nostri pazienti di avere a portata di mano cure tempestive e adeguate. A Maddestra, allora, va la gratitudine di tutti noi per aver fatto crescere il sistema salute in provincia di Chieti e per aver dato prova di generosità umana e professionale non comune. Auguri, dunque, per tutto quello che di bello e buono il futuro potrà ancora regalare»

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Portano la firma delle professoresse Laura Bonanni e Francesca Santilli

Significativo anche il risultato di Pescara, nona tra le città oltre i 100mila abitanti, unico capoluogo del centro Sud a entrare nella top 10 delle maggiori città italiane.

Si tratta di una vera e azione in rete sul territorio di associazioni ed enti. Un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo.

Tra i 10 progetti ammessi , che si contendono il premio dal valore di 10 mila euro, è stato dunque inserito quello proposto dal Direttore della Chirurgia a indirizzo senologico del “Bernabeo”,