Venerdì 23 Febbraio 2024

Politica

Ortona, impianto fotovoltaico Offshore, Angelo Di Nardo: opera in contrasto con l'economia della città

12/02/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Ortona, impianto fotovoltaico Offshore, Angelo Di Nardo: opera in contrasto con l'economia della città

Il capogruppo del centrodestra del Consiglio comunale: La maggioranza rifiuta confronto e dialogo

"Un impianto fotovoltaico a due chilometri e mezzo dalla costa, che distruggerà la piccola pesca ed il turismo, oltre che la nautica diportistica e la qualità della vita in genere, privandoci della bella vista nella zona zona nord di Ortona: è questo che vuole la maggioranza che sostiene Castiglione. Senza confronto e senza dialogo alcuno con la minoranza, pur di fronte ad una realizzazione che impatterà con forza sul futuro della nostra città per i prossimi 40 anni."

"Nonostante le contraddizioni evidenti tra il sindaco e alcuni consiglieri di maggioranza, al momento del voto tutti si sono ricompattati nel tutelare l'incomprensibile atteggiamento di Castiglione. Prima ancora nel votare un emendamento che, stravolgendo le nostre osservazioni, tendeva solo a trascinare la minoranza nella condivisione delle loro gravi responsabilità, prontamente rigettato da questa parte dei banchi", afferma Angelo Di Nardo, capogruppo del centrodestra del Consiglio comunale. Una posizione condivisa con i consiglieri di"Solo Ortona nella Testa": insieme tutti i rappresentanti della minoranza hanno presentato un pacchetto di osservazioni che mette in evidenza i rischi che accompagnano la realizzazione di un impianto fotovoltaico galleggiante offshore a poche bracciate dalla costa ortonese, ricca di un'economia fondata sul turismo, soprattutto quello ambientale, e sulla pesca, voci maggiormente aggredite ma non le uniche."

"Innanzitutto l'emendamento è un assist all'azienda proponente il mega impianto, poiché mette dubbi sui rischi da noi esposti, quando questi invece sono certi, in quanto è negli atti la sua estrema visibilità anche a molti chilometri di distanza, come anche è certa l'interdizione alla pesca ed alla navigazione in un'area impressionante a cui aggiungere almeno altri 500 metri perimetrali. Allora, perché modificare la delibera inserendo frasi dubitative se non per dire di essere favorevoli? La verità è che i consiglieri di maggioranza da un lato non vogliono lavorare e dall'altro temono che la discussione in Commissione avrebbe fatto emergere le loro lacune mascherate dalla necessità di studiare meglio le carte, come se queste criticità non siano già esplicite - afferma Ilario Cocciola, capogruppo di "Solo Ortona nella Testa" -. Avevamo proposto un rinvio in commissione per fare una proposta unitaria ma si sono impauriti della loro approssimazione alla questione". Le certezze, anche scientifiche, messe in evidenza dall'opposizione sono state sostituite, nel documento finale, da mere ipotesi, che in qualche modo tendono ad alleggerire quello che sarà l'impatto di una struttura di enormi dimensioni, circa dieci chilometri quadrati, piazzata a poca distanza dalla spiaggia più importante e più estesa di Ortona, con un'autorizzazione efficace per quarant'anni. "I cittadini e gli operatori economici - concludono i consiglieri di minoranza - devono essere coscienti di quali sono le posizioni reali delle persone che hanno scelto per rappresentarli: questa maggioranza è favorevole ad un impianto di cui non valuta né i profili di pericolosità, né l'incidenza su aree sia direttamente interessate ed indirettamente come quella dei Ripari di Giobbe, di particolare interesse naturalistico. Contro tutto questo noi abbiamo, responsabilmente, votato contro per non essere complici delle loro scelte contro Ortona. Siamo di fronte ad un film già visto con il silenzio attuato sul cavidotto elettrico delle pale eoliche del Vastese che approderà a Postilli, silenzio ed inattivismo sulle antenne a Ripari di Giobbe e si teme anche all'Acquabella ed ora vorrebbero fare credere di voler studiare le carte? Noi non ci fidiamo di loro!"

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Ortona Fratelli d'Italia

Potrebbero interessarti

Il video podcast che vi porta alla scoperta dei candidati alle prossime elezioni regionali in Abruzzo. In questa puntata, Miriana Lanetta intervista Paolo Bomba candidato di Fratelli d'Italia

Componendo qualsiasi numero di emergenza (112, 113, 115, 118, 1530) si entrerà in contatto con l'operatore della Centrale Unica di Risposta dell’1 1 2 che prenderà in carico la chiamata.

Marsilio: giovedì la delibera in Conferenza Stato Regioni