Venerdì 23 Aprile 2021

Politica

Giovanni Sidoni è il nuovo portavoce dell'Udc d'Abruzzo

03/04/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Giovanni Sidoni è il nuovo portavoce dell'Udc d'Abruzzo

A nominarlo è stato il Segretario regionale del partito Enrico Di Giuseppantonio.

Giovanni Sidoni, giornalista e praticante avvocato originario di Avezzano ma ormai da tempo residente a Pescara, è il nuovo Portavoce dell’UDC abruzzese.

A nominarlo è stato il Segretario Regionale del partito, Enrico Di Giuseppantonio. “Io e Giovanni dobbiamo questo avvicinamento ad una bella somiglianza nella formazione personale, a livello giornalistico ed ora politico, oltre che alla comunanza di idee e di valori. Cercheremo di rendere la comunicazione dell’UdC il più possibile vicina alle esigenze del territorio abruzzese Inoltre – ha spiegato Di Giuseppantonio - faremo fronte comune per far arrivare il nostro messaggio ai più giovani, al fine di creare un percorso di rinnovamento che non sia solo ideale ma anche concreto”.

“Sono davvero felice di compiere questo passo vicino ad una personalità come quella di Enrico – ha dichiarato Sidoni –. Penso che la politica debba considerare dei valori, moderati e trasparenti oltre che fermi, alla propria base: questo sarà il messaggio alla guida del nostro prossimo operato. ”. La nomina va nella direzione di aprire un nuovo corso dell’Udc, dando spazio ai giovani che hanno voglia di intraprendere con entusiasmo un percorso nel mondo della buona politica.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Prevista l'erogazione un contributo di 150 euro per ogni bambino regolarmente iscritto alle strutture educative per i più piccoli.

"Un riconoscimento che premia il lavoro portato avanti dal presidente del Parco Zazzara e dal direttore Di Martino"

Il presidente d'Abruzzo chiede un immediato incontro per chiarire l'errore di valutazione da parte dell'Istituto nazionale di Urbanistica

Il Comitato di Lanciano - Sangro Aventino di “Cambiamo" focalizza l'attenzione sulla necessità di un Piano generale per l’edilizia scolastica che preveda anche "necessari abbattimenti"