Giovedì 29 Febbraio 2024

Politica

DEA II livello Chieti-Pescara unica soluzione per Mauro Febbo

19/08/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
DEA II livello Chieti-Pescara unica soluzione per Mauro Febbo

L'assessore regionale Mauro Febbo interviene sulla questione del DEA di II livello rispondendo al sindaco di Pescara, Carlo Masci.

"Il Sindaco Masci deve prendere atto che, dopo anni di confronti su numeri e approfondimenti , non esiste altra via che il Dea integrato fra i due nosocomi e non solo per soddisfare le direttive del decreto Lorenzin.

Il maggior numero di UOC dell’Ospedale di Pescara è stato determinato proprio da decreti dell’allora Commissario ad acta e presidente della Regione D’Alfonso che, ben prima dell’inizio di procedura di attuazione del Dea di II livello, con il silenzio assordante della componente teatina del partito democratico, sono stati spostati dall'ospedale di Chieti a Pescara. Cosa che non ha potuto fare per evidenti motivi strutturali per la cardiochirurgia che è rimasta e rimarrà a Chieti e non per motivi di campanile, ma per la storia recente che tutti conoscono e per la presenza della facoltà di Medicina, per cui quello teatino è ospedale clinicizzato.

Senza parlare dell’inutile sperpero di soldi pubblici per spostare il 118 all’aeroporto dopo che sono stati constatati che per dimensionalità, capacità di posteggio su gomma e pista di atterraggio e qualità della gestione dell’emergenza urgenza, il 118 di Chieti era già pronto per ospitare la centrale unica d’emergenza-urgenza. Sull’analisi dei dati, degli indici di appropriatezza e il numero di accessi e, quindi sulla qualità dei servizi assistenziali è difficile discernere in due parole e sono stati oggetto di analisi approfondita con esperti del settore e analisti che dopo numerosi incontri, relazioni ed analisi sono arrivati alla determinazione che l’ottimizzazione della resa di prestazioni si ottiene solo integrando i due ospedali. Il mio amico ed ottimo amministrazione Carlo Masci se ne faccia una ragione. 

D'altronde, non c’è altra soluzione se non il  DEA di II livello integrato fra i due ospedali. 

Ipotesi che è stata certificata nuovamente giorni orsono dall’assessore regionale alla Salute Nicoletta Verì che ha predisposto una nuova relazione e articolate risposte al Tavolo di Monitoraggio tenutosi il 30 luglio scorso. Credo che sia ormai giunto il momento di superare queste sterili ed inutili richieste e polemiche ma di lavorare tutti per dare al nostro Abruzzo, una cittadella della sanità vasta Chieti-Pescara, che finalmente favorisca anche la mobilità attiva da altre provincie e regioni, con un servizio  ed una assistenza sanitaria  di eccellenza che sia a disposizione delle tante richieste di sanità che ci vengono rivolte.

Sono certo che il bravo sindaco di Pescara lavorerà insieme al governo regionale ed al sottoscritto per arrivare a questo risultato importante nell'interesse della salute degli abruzzesi al quale singolarmente non si arriverebbe mai, ma che i due nosocomi, in sinergia, sicuramente possono raggiungere". 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Verì: In Abruzzo, una rivoluzione nella Sanità che ha recuperato anni di ritardi

L’avvocato Di Primio, che può vantare una lunga esperienza amministrativa, avendo ricoperto, tra le altre cose, anche la carica di sindaco di Chieti per due mandati, resterà in carica per cinque anni

Si completa così l’investimento di oltre 440 milioni di euro. Ai 300 milioni di fondi statali, gli 84 a carico della Regione e i 4 delle Asl, che erano stati presentati dal presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio per la realizzazione dei nuovi ospedali di Avezzano (119 milioni), Lanciano (109 milioni), e Vasto (150 milioni), e per il 118 a l’Aquila 10 milioni, si aggiungono quelli odierni per l'ospedale di Chieti.

Dora Bendotti, Rita Aruffo e Elisabetta Merlino, le tre candidate di centrosinistra al Consiglio Regionale del Patto per l'Abruzzo, per Luciano D'Amico presidente, hanno incontrato le associazioni che operano sul territorio in difesa dei diritti delle donne. Per capire, ascoltare e pianificare interventi condivisi.