Venerdì 12 Aprile 2024

Cultura

L'Istituto "Mario Bosco" di Lanciano, da anni scuola Unesco, promuove la Cultura dell'Acqua

21/03/2024 - Redazione AbruzzoinVideo
L'Istituto "Mario Bosco" di Lanciano, da anni scuola Unesco, promuove la Cultura dell'Acqua

Visita degli studenti alla sede Unesco Bureau Venice, con loro anche gli alunni di un Istituto di Piacenza

L'Istituto Comprensivo "Mario Bosco" di Lanciano (CH), scuola UNESCO da diversi anni, ha aderito al progetto annuale rivolto all'importanza dell'acqua, focalizzandosi sugli Obiettivi 6, 13 e 14 dell'Agenda 2030.

Per diffondere la cultura dell'acqua come diritto essenziale per l'intera umanità, in occasione della Giornata Mondiale dell'Acqua del 22 marzo, gli alunni delle classi prime della scuola secondaria di I grado "G. Mazzini", nell'ambito dell'accordo di rete "Dal Po all'Adriatico" con l'Istituto Comprensivo "Monticelli d'Ongina" di Piacenza, hanno compiuto una visita presso la sede UNESCO Bureau Venice.

Durante la visita, sono intervenuti il Prof. Omodeo Pietro Daniel, titolare della Cattedra UNESCO dell'Università Ca’ Foscari, la Prof.ssa Corinna Guerra, ricercatrice, l'On. Arch. Paolo Conforti, Delegato dell'Emilia Occidentale del Sovrano Ordine di Malta, e il Procuratore avv. Bernardo Gambaro, Delegato SMOM. Inoltre, i ragazzi hanno proposto l'utilizzo delle borracce a scuola per ridurre la quantità di rifiuti derivanti dalle bottiglie di plastica, che spesso finiscono nei fiumi e nei mari. La Dirigente Scolastica, dott.ssa Mirella Spinelli, ha accolto con favore la proposta e auspica una sempre più ampia collaborazione per accelerare il cammino verso la sostenibilità economica, sociale e ambientale. La giornata si è conclusa con attività di rete preparate dagli studenti, dimostrando l'impegno e la sensibilizzazione verso una gestione responsabile delle risorse idriche e dell'ambiente.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Scuola

Potrebbero interessarti

La terza edizione dell'evento sarà presentata alla Sala Conferenze della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia, Teramo.

Un viaggio contro lo spreco alimentare che proseguirà in altri comuni del territorio Atessa, Casoli, Guardiagrele, Casalbordino e Palmoli

Un olio che nasce da ulivi piantumati su quella terra macchiata dal sangue dei martiri della giustizia e che adesso rappresenta un simbolo di rinascita e di riscatto.