Sabato 21 Maggio 2022

Cultura

Elena Bucci al Teatro Studio Lanciano Treglio

09/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Elena Bucci al Teatro Studio Lanciano Treglio

È una delle attrici più affermate del panorama teatrale italiano. Negli ultimi trent’anni il suo lavoro ha dato luogo a un originale percorso culturale e creativo contrassegnato da una precisa urgenza espressiva.

Domenica 15 maggio alle ore 18.00 arriva al Teatro Studio di Lanciano/Treglio, diretto da Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini, Elena Bucci con lo spettacolo “Nella stanza di Eleonora”, di e con Elena Bucci cura del suono Raffaele Bassetti assistenti all’allestimento Nicoletta Fabbri e Gaetano Colella. Elena Bucci è una delle attrici più affermate del panorama teatrale italiano.

Negli ultimi trent’anni il suo lavoro ha dato luogo a un originale percorso culturale e creativo contrassegnato da una precisa urgenza espressiva. Fra i più importanti riconoscimenti: Premio Ubu 2016, Premio Eleonora Duse 2016, Premio Hystrio - Anct 2017. 

“Per accogliere questo invito appassionato ho adattato il mio lavoro allo spazio messo a disposizione e ho rinunciato ad ogni apparato della scena per puntare sulla forza della parola e della musica. Mi sono ispirata al testo dello spettacolo per farne una lettura. In tempi nei quali il teatro tanto soffre e tanto rivive, è una bella sfida ritrovarne le radici, l’estrema sintesi e semplicità.”Dichiara Elena Bucci in relazione alla replica che la vedrà impegnata in Abruzzo.

“Eleonora Duse – prosegue Elena Bucci -, nata nel 1858 e morta nel 1924, fu attrice e capocomica. La libertà del suo agire rivoluzionò e sconvolse il teatro del suo tempo. Detestava le biografie, le autobiografie e le commemorazioni. Di lei ci restano lettere, scritti e testimonianze indirette. Per me, fu anche una donna straordinaria. C’è un tempo della vita in cui non bastano più mestiere, tecnica, lavoro, ma ci si domanda dove ci portino e cosa c’è oltre e altrove. Io ero proprio lì, quando, parlando con un amico sapiente, mi sono accorta che gli scritti e il pensiero della Duse mi avevano accompagnato per tutta la mia vita teatrale. Ho cercato un luogo che mi parlasse e dei compagni generosi, e dedicando questo lavoro a lei ho raccolto i fili delle mie inquietudini, sperando che non fossero solo mie. Non avrei mai avuto il coraggio di questa solitudine senza il calore degli amici e di questo li ringrazio. Non è stato per amor di stravaganza che ho cominciato questo lavoro in un luogo - il Palazzo di San Giacomo a Russi, in stato di abbandono - pieno di memorie storiche e personali. Dovevo creare tutte le condizioni perché fosse possibile l’intensa trasformazione che volevo. Ora si è situato in profondità e con precisione in un luogo interiore che, pur modificando il linguaggio e l’espressione, posso rintracciare in ogni momento. Lo spettacolo è davvero scritto nel corpo, senza retorica, ed è questo che cercavo, e questo è il cuore del mio lavoro su Eleonora Duse, immaginata nel momento in cui, malata e sostituita da Gabriele D’Annunzio nella Figlia di Iorio, prende il copione e recita tutte le parti, tutte le scene, tutte le figure, davanti allo sguardo allucinato di Matilde Serao, puntuale e quasi invadente osservatrice e testimone. Forse in quel momento la Duse, che recitando guariva dai danni della vita, provava a liberarsi e a vedere oltre la materia necessaria, odiata e amata, del teatro: le scene, i costumi, gli attori...forse sognava di poter volare per un attimo, come le altre arti tentavano, in uno spazio dove fosse possibile il teatro senza corpo e senza voce, libero dalla poesia inevitabile della sua continua distruzione nel qui e ora. Liberandosi della materia del teatro, forse si rinnova il contatto con la vita, da lei sempre inseguito e sfuggito. Ho attinto a lettere, scritti, testimonianze indirette che percorrono tutto l’arco della sua vita, ed il criterio di scelta è stato assolutamente personale, pur nel tentativo di comprendere e rispettare. E inevitabilmente, tentando di essere medium di qualcosa che si è molto amato, si parla di sé. Ho cercato di liberarmi da immagini indotte, stereotipi affascinanti, tentazioni estetiche e credo di avere trovato, nel coraggio e assoluta libertà di lei, una forza preziosa nell’accantonare regole e convenzioni. Allo stesso tempo, ho lavorato perché fosse possibile, anche a chi non ne avesse mai sentito parlare, attingere a qualcosa di lei. Attraverso Eleonora sono passate tante donne, nascoste in chissà quali pieghe della mia memoria.”

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Treglio Teatro

Potrebbero interessarti

Oggi giovedì e domani, gli allievi dell’Orchestra della Scuola Secondaria di I Grado “G. Mazzini”, facente parte dell’I.C. “Mario Bosco”, iscritti all’Indirizzo Musicale saranno coinvolti in un gemellaggio con l’orchestra di circa 50 alunni di un’altra scuola secondaria di I grado ad Indirizzo Musicale: Istituto Comprensivo di Alvignano (CE).

L’Amministrazione comunale l'ha installata ieri in via Roma nella Giornata Internazionale contro l'Omofobia

Il gemellaggio che sarà siglato il 19 e 20 Maggio riguarderà anche la città frentana e quella del casertano

L’Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani, ha realizzato degli incontri anche nella scuola elementare di Fossacesia svolti da veterinari docenti per amplificare il concetto del prendersi cura degli animali domestici.