Venerdì 19 Luglio 2024

Cronaca

Sant'Eusanio del Sangro, minaccia l'impiegato delle Poste con un grosso sasso, arrestato dai carabinieri

24/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Sant'Eusanio del Sangro, minaccia l'impiegato delle Poste con un grosso sasso, arrestato dai carabinieri

In manette un 43enne del luogo con l’accusa di tentata rapina aggravata ed interruzione di pubblico servizio

I Carabinieri della Stazione di Castel Frentano, nell’ultimo fine settimana, hanno proceduto ad eseguire un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un uomo di Sant’Eusanio del Sangro accusato di tentata rapina aggravata ed interruzione di pubblico servizio.

L'uomo, un 43enne del luogo, recatosi presso il locale ufficio postale il 16 marzo scorso per prelevare del denaro, dopo aver appreso dall’impiegato che il suo conto era completamente senza fondi, è andato su tutte le furie e armandosi di un grosso sasso lo ha minacciato. Inoltre preso dall'ira avrebbe danneggiato la vetrata antisfondamento posta a protezione degli operatori postali. Sempre in forte stato di agitazione l'uomo avrebbe iniziato a minacciare di mali futuri gli altri impiegati ed allontanandosi ha butato in terra i tavolini posti nella pubblica via.

Le attività di ricostruzione degli eventi ad opera dei Carabinieri della Stazione di Castel Frentano, che hanno ascoltato testimoni e raccolto immagini dalla video sorveglianza, hanno consentito di risalire all’identità dell'uomo il quale è stato deferito alla competente autorità giudiziaria. Quest’ultima, valutati i gravi indizi di colpevolezza raccolti dai militari, nonché la sussistenza del pericolo di reiterazione del reato, ha emesso specifica ordinanza di custodia cautelare in virtù della quale l’uomo è stato arrestato e tradotto presso la Casa circondariale di Lanciano in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Anche nell’estate 2024 la Polizia di Stato accompagnerà il viaggio di quanti approfitteranno della bella stagione per visitare le principali località turistiche italiane.

Il tribunale di Pescara ha condannato a dieci anni e quattro mesi di reclusione Nico Fasciani, 25 anni, di Civitaquana (Pescara) al termine del processo con rito abbreviato per il duplice tentato omicidio nei confronti di uno zio, Giancarlo Fasciani (57), e della compagna di quest'ultimo, Paola De Palma (30) feriti gravemente, a colpi di pistola, il 17 maggio 2023.

Nuova udienza questa mattina in Corte d'Assise a Chieti, l'ultima prima della pausa estiva, per il processo per l'agguato sulla Strada Parco a Pescara del primo agosto del 2022 in cui venne ucciso l'architetto Walter Albi e rimase gravemente ferito l'ex calciatore Luca Cavallito.

Una lettera per documentare, anche con grafici e dati precisi, la condizione attuale in merito alla disponibilità della risorsa. E’ una vera e propria emergenza idrica per 49 comuni della provincia di Chieti alle prese con una programmazione di interruzioni della fornitura che non si verificava da anni.