Domenica 21 Aprile 2024

Cronaca

Rinviata al 2021 la 39esima edizione della Rievocazione Storica del Matrogiurato di Lanciano

10/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte ad una scelta del genere, ma quando si tratta di tutela della salute pubblica non ci sono altri argomenti che tengano. Come avevo già dichiarato in ripetute occasioni, abbiamo cercato fino alla fine di trovare una soluzione che salvasse la manifestazione tenendola ad un livello di dignità assoluta e tutelasse i nostri spettatori, ma abbiamo dovuto desistere”.

Così il presidente dell’associazione il Mastrogiurato di Lanciano,Danilo Marfisi, che stamani ha tenuto una conferenza stampa per annunciare che la rievocazione storica del Mastrogiurato, giunta alla sua 39ª edizione, quest’anno, causa covid, non sarà celebrata. “Abbiamo percorso tutte le strade che ritenevamo e riteniamo utili alla soluzione del problema - ha detto Marfisi - abbiamo messo al lavoro i nostri tecnici, per preparare tutte le planimetrie necessarie. Tuttavia gli incontri definitivi ci sono stati solo la fine della scorsa settimana con la dottoressa D’Agostino, dirigente del Commissariato di Polizia di Lanciano e sabato mattina con il sindaco Mario Pupillo. È emersa chiara la tesi che il mercato medioevale si sarebbe potuto svolgere alle Torri Montanare senza eccessivi problemi, mentre per la cerimonia dell’investitura del Mastrogiurato, in piazza plebiscito, i problemi ci sono e sono tanti, quindi l’alternativa che ci si è posta davanti é stata o festa ridotta alle Torri Montanare, con l’investitura sempre in quella location, oppure niente. Ma festa ridotta - ha detto Danilo Marfisi - significa metà pubblico rispetto alle scorse edizioni e cerimonia con pochi spettatori. La scelta a questo punto ci è sembrata obbligata, la trentanovesima edizione non ci sarà. Tuttavia - continua Marfisi - in considerazione della collaborazione offerta da Le Vie del Commercio e delle altre iniziative comunque intraprese, pensiamo di dare seguito - continua Danilo Marfisi - alla selezione delle dame 2020, all’addobbo delle vetrine dei negozi che aderiscono e ad altre iniziative che comunque ricordino che l’appuntamento con la settimana medievale è solo rimandato al 2021. Consideriamo questa scelta di grande responsabilità e serietà nel rispetto di una manifestazione importante che ha portato e porta il nome di Lanciano in giro per il mondo e di tutto il numerosissimo pubblico che ogni anno ci onora della sua presenza. Infine anche le notizie ultime sui contagi delle nostre zone confermano la bontà della nostra scelta. - dice Marfisi - Il presidente dell’associazione il Mastrogiurato infine evidenzia che è assolutamente necessario che la regione Abruzzo, il Comune di Lanciano eroghino al più presto i contributi previsti, per evitare problemi anche sotto il profilo economico. L’associazione deve far fronte a numerose spese. “Noi organizziamo manifestazioni che richiedono lunga preparazione, - dice Marfisi riferendosi anche alla Giostra Cavalleresca di Sulmona ed alla Perdonanza dell’Aquila - e l’intervento degli enti in questa fase, è da considerarsi urgentissimo ed indispensabile”. - dice Marfisi il quale ha annunciato che l’associazione Mastrogiurato, alla quale la regione ha destinato fondi per 50.000 € annui, ha richiesto un contributo straordinario in virtù del particolare momento che si sta vivendo dovuto all’emergenza Covid.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Mastrogiurato

Potrebbero interessarti

La Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila ha confermato la sentenza di ergastolo per Alessandro Chiarelli, un 31enne di Popoli (Pescara), accusato di aver ucciso con 17 coltellate il suo amico e vicino di casa, Fulvio Declerch, 54 anni, e di aver gettato il suo cadavere nel fiume Pescara.

Nella mattinata odierna il sindaco Diego Ferrara ha firmato una nuova ordinanza di interdizione e a tutela dell’incolumità pubblica, a causa del dissesto idrogeologico. L’atto riguarda il Condominio Bella Dormiente situato in via don Giovanni Minzoni.

Oggi, in Corte d'Assise a Lanciano, Francesco Rotunno, 65 anni, ha testimoniato riguardo al tragico evento che ha portato alla morte della madre, Cesira Bambina Damiani, 88 anni, avvenuto il 12 febbraio 2023 nella loro casa a Casoli (Chieti). Rotunno è accusato di aver strangolato la madre.

Fim, Fiom e Fismic esprimono un giudizio negativo su quanto emerso nel confronto di oggi al ministero a Roma