Marted 05 Luglio 2022

Cronaca

Pescara, arrestati dalla Polizia per aver danneggiato auto in sosta nell'area di risulta

16/06/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, arrestati dalla Polizia per aver danneggiato auto in sosta nell'area di risulta

Armati di coltello hanno tagliato gli pneumatici e colpito le auto in sosta con i calci ma sono stati visti da un testimone che ha aiutato la Polizia a rintracciarli.

La scorsa notte la Polizia di Stato ha arrestato due giovani responsabili di aver danneggiato alcune auto parcheggiate all’interno dell’area di risulta. A seguito di segnalazione al 113, la Squadra Volante ha rintracciato gli autori dell’atto criminoso nei pressi del vicino sottopasso ferroviario.

Anche con l’aiuto delle precise indicazioni fornite da un testimone che ha visto chiaramente gli arrestati, armati di coltello, tagliare gli pneumatici e colpire con calci le auto in sosta, gli agenti giunti sul posto hanno rintracciato e bloccato i responsabili del gesto delittuoso, che sono stati trovati in possesso di un coltello a scatto della lunghezza di 15 cm con una lama di 7 cm, intrisa nella punta di materiale gommoso.

Entrambi sono stati arrestati per il reato di danneggiamento aggravato in concorso e trattenuti nella camera di sicurezza. Dopo la convalida dell’arresto, uno dei due, gravato da numerosi precedenti di Polizia, è stato sottoposto alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla P.G..

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Tantissimi gli attestati di cordoglio da parte del mondo culturale frentano e di quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e condividere con lui un percorso lavorativo e di studio.

L'Arma dei carabinieri si dimostra ancora una volta sensibile alle problematiche della cittadinanza e pronta a tendere una mano alle persone in difficoltà.

È successo venerdì mattina, intorno alle ore 10. Un uomo, disteso accanto alla sua auto, ha provato a tagliarsi le vene con un taglierino. Provvidenziale l’intervento delle Guardie Giurate Sicuritalia Ivri.

Secondo quanto emerso dalle indagini, eseguite dai Carabinieri e coordinate dalla Procura, l'arrestato avrebbe erogato alla vittima prestiti con tassi di interesse dal 100% al 400 % annuo.