Marted 27 Febbraio 2024

Cronaca

Atessa, immigrato clandestino scoperto nel cassone di un mezzo pesante alla Stellantis Europe

09/10/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Atessa, immigrato clandestino scoperto nel cassone di un mezzo pesante alla Stellantis Europe

Il cittadino afghano di 32 anni era riuscito a viaggiare dalla Serbia a Trieste nascosto nel cassone del veicolo

La vicenda risale al pomeriggio del 5 ottobre scorso, quando all'interno dello stabilimento Stellantis Europe S.p.a nella frazione Saletti di Atessa l'apertura del cassone di un mezzo pesante ha rivelato la presenza di un giovane uomo, scoperto dall'autista e dal personale aziendale addetto allo scarico merci. Una pattuglia del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia Carabinieri di Atessa è intervenuta immediatamente per gestire la situazione. L'immigrato clandestino, che si trovava in buone condizioni di salute, è stato identificato come un cittadino afghano di 32 anni, originario di Kabul. Secondo la versione fornita dal conducente del veicolo, il giovane sarebbe salito furtivamente a bordo durante il tragitto dalla Serbia alla dogana di Trieste. Attualmente, le autorità stanno effettuando verifiche sull'autenticità del documento che l'immigrato aveva con sé. Dopo essere stato sottoposto a rilievi fotosegnaletici, l'immigrato è stato condotto presso l'ufficio immigrazione della Questura di Chieti per gli adempimenti previsti dalla legge in materia di immigrazione.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Carabinieri

Potrebbero interessarti

Nel corso di un'operazione mirata denominata "Drug Market", i militari del Comando Provinciale di Pescara hanno arrestato un giovane spacciatore trentenne, sequestrando un carico di sostanze stupefacenti stimato in 8.000 euro sul mercato della droga.

È accaduto questa sera, 25 febbraio 2024, intorno alle 21 tra via Vittorio Veneto e corso Bandiera.

Operazione delle volanti nel quartiere di via Raiale porta all'arresto di un 33enne pakistano, colto sul fatto dopo il furto di cavi in rame.

Ancora da chiarire le cause della tragedia. Indaga la polizia di Vasto