Venerdì 23 Febbraio 2024

Cronaca

Arrestato per stalking, M.M. di Castel Frentano finisce in carcere

13/03/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Arrestato per stalking, M.M. di Castel Frentano finisce in carcere

L'uomo aveva violato più volte la misura cautelare degli arresti domiciliari impostagli per atti persecutori nei confronti di una persona.

Nella mattina dell'11 marzo 2023, il personale della Stazione Carabinieri di Castel Frentano ha eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di M.M., residente nella stessa città, su disposizione del G.I.P. del Tribunale di Lanciano. L'uomo era già stato sottoposto a diverse misure cautelari per il reato di atti persecutori, ma aveva violato più volte le prescrizioni impostegli dalla Procura della Repubblica, venendo così sostituita la precedente misura degli arresti domiciliari con quella della detenzione in carcere.

L'arresto è avvenuto in seguito alle indagini condotte dall'Arma di Castel Frentano, in relazione alla denuncia-querela presentata dalla vittima degli atti persecutori. L'ufficio del pubblico ministero presso il Tribunale di Lanciano ha quindi richiesto ed ottenuto la misura cautelare della custodia in carcere per M.M. dopo aver constatato le ripetute inosservanze delle restrizioni imposte alla persona.

La lotta contro il fenomeno dello stalking e la tutela delle vittime sono al centro dell'attenzione delle autorità giudiziarie e delle forze dell'ordine, che continuano ad intensificare i controlli e ad adottare misure sempre più severe nei confronti degli autori di questo tipo di reati.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Ieri pomeriggio, un 38enne rumeno ha fatto irruzione in un centro di accoglienza brandendo un'ascia, minacciando presenti e un addetto

I fatti risalgono al periodo 2016-2021. Secondo l'accusa, da quando la vittima aveva solo 14 anni.

I destinatari dei provvedimenti, appartenenti alla cerchia relazionale virtuale del citato cittadino tunisino, risultano usuari di profili social con contenuti tipici degli ambienti dell’estremismo di matrice confessionale

I carabinieri della compagnia di Atessa le hanno notificato il provvedimento che le impedisce di tornare nel comune di Archi per 4 anni