Sabato 08 Agosto 2020

Cronaca

Aggressione ai giovani filippini a Pescara, Individuati e denunciati dalla Polizia di Stato due minorenni

14/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Aggressione ai giovani filippini a Pescara, Individuati e denunciati dalla Polizia di Stato due minorenni

Dopo un'intensa attività di indagine la squadra mobile è riuscita a risalire a loro, dovranno rispondere di lesioni volontarie.

Sono stati individuati dalla Polizia di Stato di Pescara e denunciati, con l’accusa di lesioni volontarie, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di l’Aquila, i due autori dell’aggressione ai danni di due giovani filippini, che la notte del 28 giugno scorso erano stai malmenati mentre si trovavano presso la Nave di Cascella, sul lungomare pescarese. Si tratta di due sedicenni pescaresi, privi di precedenti penali, a cui la Squadra Mobile della Questura è arrivata a seguito di un’attività d’indagine nel cui ambito sono stati acquisiti filmati ed ascoltate vittime e testimoni, che hanno fornito preziosi contributi per risalire alla loro identità. I due filippini, un ragazzo ed una ragazza entrambi 22enni, quella notte, mentre si trovavano in compagnia di altri connazionali, erano stati avvicinati da un gruppo di giovani sconosciuti, alcuni dei quali evidentemente ubriachi. Due di loro li avevano provocati e poi si erano scagliati sul ragazzo, sferrandogli calci e pugni, colpendo anche la ragazza intervenuta in soccorso del’amico. Il gruppo si era poi dato alla fuga facendo perdere ogni traccia. I malcapitati erano stati costretti a ricorrere alle cure dei sanitari; in particolare il ragazzo aveva riporato un trauma cranico e la frattura del naso. Da una prima ricostruzione fatta dalla polizia, sembra che i due gruppi poco prima avessero avuto un alterco in spiaggia, per futili motivi e che, reincontratisi casualmente alla Nave di Cascella, la discussione sia proseguita fino alle vie di fatto.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

lo rende noto la Asl di Teramo che ha deciso di sottoporre a tampone, nella giornata di domani, tutti i dipendenti dello stabilimento di Controguerra ed annuncia di aver già messo in atto tutte le procedure di isolamento e controllo delle persone risultate positive al Covid.

Alla donna è stato riconosciuto un ruolo determinante in seno all'organizzazione dedita al trasporto e allo spaccio di cocaina ed una pericolosità sociale.

Tra loro 7 minorenni tra i 15 e i 17 anni, tutti asintomatici, Lo conferma la Asl di Teramo

Operazione congiunta delle forze dell'ordine, come era stato preannunciato dal sindaco nei giorni scorsi, volta a ripristinare la legalità anche nel commercio.