Domenica 29 Gennaio 2023

Turismo e Natura

Magliano de’ Marsi, giovani grifoni recuperati: di nuovo in libertà

26/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Magliano de’ Marsi, giovani grifoni recuperati: di nuovo in libertà

Dalla località Costa Grande nella Riserva Naturale Orientata Monte Velino, i due grifoni recuperati a fine luglio e inizio agosto a Petrella Liri saranno di nuovo liberi di spiccare il volo.

I due avvoltoi, entrambi giovani e nati nella stagione riproduttiva appena terminata, sono stati recuperati dai Carabinieri Forestali del Comando Stazione di Tagliacozzo e del Nucleo Tutela Biodiversità di Magliano de’ Marsi, e dal personale della Riserva Monte Velino, coadiuvati da volontari dell’associazione Rewilding Apennines.

I grifoni, recuperati a circa 10 giorni di distanza l’uno dall’altro lungo la strada provincial 23 che costeggia il sito di nidificazione di Monte Arunzo grazie alla pronta segnalazione della cittadinanza, avevano difficoltà ad involarsi ed erano sottopeso. Queste circostanze possono essere considerate talvolta fisiologiche e dipendono dall’inesperienza nel volo dei giovani grifoni che hanno appena lasciato il nido.

Prelevati e custoditi nelle voliere di acclimatazione nella Riserva Monte Velino dal personale del Reparto Carabinieri Biodiversità Carabinieri di Castel di Sangro, sono stati tenuti sotto controllo sanitario dai servizi veterinari dell’Unità Operativa Semplice Dipartimentale Fauna Selvatica e Monitoraggio Ambientale dell’ASL 01 de L’Aquila.

I grifoni, monitorati e costantemente accuditi dal personale della Riserva, sono adesso in grado di riprendere il volo e tornare in libertà, e verranno rilasciati dopo aver svolto i rilievi biometrici e la marcatura con anelli colorati con la collaborazione del Reparto Carabinieri Biodiversità di L’Aquila, che permetterà di identificarli a distanza. I grifoni sono stati muniti di trasmittente GPS che ne consentirà la localizzazione in tempo reale.

L’auspicio è che prontamente possano aggregarsi agli oltre 300 grifoni che volteggiano nei cieli tra Abruzzo e Lazio e che oltre ad arricchire con la loro presenza la ricchezza in biodiversità dell’Appennino, svolgono una funzione ecologica importantissima limitando la diffusione di patogeni e malattie, poiché si alimentano esclusivamente di carcasse di animali selvatici e domestici che rinvengono nei pascoli montani.

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un progetto sperimentale, finanziato per 200 mila euro dalla Regione Abruzzo e gestito dal GAL Costa dei Trabocchi, punta a dotare la Rete ciclabile dei trabocchi (circa 250 chilometri tra percorsi costieri e interni) di un efficace sistema di segnaletica oltre che di diversi punti di accoglienza cicloturistica.

La specie è risultata presente nei comuni di San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Santa Maria Imbaro, Treglio e Lanciano, dalla costa sino a 11 km nell'entroterra.

Una passeggia in mezzo alla storia e ai personaggi della città. De Cesare: “Un’edizione speciale, organizzata direttamente dal Comune con il supporto di storici, esperti, archeologi e talenti della città”

il presidente della Provincia Menna: grande orgoglio per la partenza del Giro d'Italia, evitati stupri cementizi della costa