Venerdì 01 Luglio 2022

Sanità

Teramo, grazie agli organi donati come ultimo atto d'amore da una 33enne, eseguito l'ottavo espianto al Mazzini

02/11/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Teramo, grazie agli organi donati come ultimo atto d'amore da una 33enne, eseguito l'ottavo espianto al Mazzini

Il manager Di Giosia: “L’atto di generosità della giovane donatrice consentirà il moltiplicarsi della vita per cinque persone gravemente malate.

Estremo atto d’amore della ragazza di 33 anni giunta in ospedale in condizioni disperate l’altro ieri sera per un gravissimo trauma cranico. In seguito all’ulteriore aggravarsi delle sue condizioni cliniche l’equipe della Rianimazione del Mazzini ha avviato il periodo di osservazione della durata di 6 ore per l’accertamento di morte. E’ stata nominata una commissione medica composta da un rianimatore (Alessandra Di Teodoro), un neurologo (Maurizio Assetta) e un medico legale (Maria Laura Brancone). “I genitori, rispettando la volontà alla donazione degli organi della ragazza, espressa in passato, hanno dato l’assenso al prelievo, seppur in un momento di grande dolore, onorando il desiderio della giovane”, spiega Santa De Remigis, coordinatore aziendale per donazioni e trapianti. Al Mazzini questa mattina all’alba sono arrivate le equipe del Policlinico di Milano per i polmoni, di un ospedale di Roma per il fegato, dell’ospedale di Padova per un rene e il pancreas e dell’Aquila per l’altro rene. “L’atto di generosità della giovane donatrice consentirà il moltiplicarsi della vita per cinque persone gravemente malate. E’ questo l’ottavo espianto avvenuto alla Asl di Teramo quest’anno”, conclude il direttore generale della Asl, Maurizio Di Giosia.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Teramo Asl Teramo

Potrebbero interessarti

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

Nei soggetti con infezione da SARS CoV-2 l’approccio chirurgico è decisamente più complesso.

Al via in Ginecologia i tanto attesi lavori per 4.5 milioni