Venerdì 12 Aprile 2024

Sanità

Gli infermieri della provincia di Chieti chiedono alla Asl una guida stabile per il Dipartimento delle professioni sanitarie.

02/07/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Gli infermieri della provincia di Chieti chiedono alla Asl  una guida stabile per il Dipartimento delle professioni sanitarie.

Nella foto il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael (a sinistra), e il presidente dell'Opi Chieti, Giancarlo Cicolini (a destra)

Grazie al collega Scialò per il lavoro svolto, ora si bandisca il concorso

«Dopo il grande lavoro svolto dal collega Gennaro Scialò, che ha lasciato l’incarico di dirigente delle Professioni sanitarie della Asl Lanciano Vasto Chieti e al quale va la nostra riconoscenza, la Direzione generale deve garantire in tempi rapidi una guida stabile e duratura agli infermieri e agli altri professionisti sanitari dell’Azienda»: è quanto chiede il Consiglio direttivo dell'Ordine delle professioni infermieristiche della provincia di Chieti.

«Come già aveva fatto al suo arrivo, dando una guida in tempi rapidi al Dipartimento della professioni sanitarie, il direttore generale, Thomas Schael, può ora attivare subito il concorso e dare a TUTTI gli infermieri la possibilità di partecipare alla selezione per la copertura dei cinque incarichi da dirigente già esistenti nel 2019 - afferma il presidente dell’Opi Chieti, Giancarlo Cicolini -. Da cinque dirigenti previsti eravamo passati a uno solo e, ora, neanche più quello. Gli infermieri, non solo durante la pandemia, hanno dato e continuano a dare il massimo, ma sono la categoria maggiormente penalizzata anche in termini di assunzioni. Per gli incarichi da dirigente ci aspettiamo che il direttore generale dimostri riconoscenza a infermieri e professionisti sanitari e, soprattutto, garantisca a questo settore strategico una stabilità necessaria a dare risposte efficaci ai cittadini. Va pertanto attivato subito il concorso, senza fare per l'ennesima volta ricorso a tempi determinati o mobilità temporanee che lasciano una governance sempre altalenante».

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Portano la firma delle professoresse Laura Bonanni e Francesca Santilli

Significativo anche il risultato di Pescara, nona tra le città oltre i 100mila abitanti, unico capoluogo del centro Sud a entrare nella top 10 delle maggiori città italiane.

Si tratta di una vera e azione in rete sul territorio di associazioni ed enti. Un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Regione Abruzzo.

Tra i 10 progetti ammessi , che si contendono il premio dal valore di 10 mila euro, è stato dunque inserito quello proposto dal Direttore della Chirurgia a indirizzo senologico del “Bernabeo”,