Lunedì 04 Luglio 2022

Sanità

Fare squadra subito": così Nanda Furia al primo giorno da primario a Vasto

16/05/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Fare squadra subito": così Nanda Furia  al primo giorno da primario a Vasto

Costruire una squadra affiatata all’interno del reparto, fare rete con gli altri ospedali, lavorare in integrazione con il territorio: questi gli intenti espressi da Nanda Furia al primo giorno di lavoro da primario della Cardiologia di Vasto.

“Ho trovato una bella accoglienza - sottolinea - d’altra parte conoscevo già diversi colleghi che avevo seguito come tutor alla Scuola di specializzazione. Desidero offrire a ognuno di loro la possibilità di crescere e sviluppare una particolare competenza, seguendo una delle attività che caratterizzano il nostro lavoro. Credo che il coinvolgimento attivo e la responsabilizzazione diffusa siano elementi fondamentali per mettere su un team coeso, ben formato, professionalmente qualificato e che opera in un clima sereno”. Fare scuola, dunque, per garantire continuità nell'assistenza di qualità: questa la motivazione forte che traspare dalle parole del nuovo primario, impegnata a disegnare l’organizzazione interna della Cardiologia e al tempo stesso a dare subito nuovo impulso all’attività impiantistica e in generale a elettrostimolazione ed elettrofisiologia. “Sono certa che riusciremo a fare un buon lavoro con la collaborazione di tutti dentro e fuori il reparto” aggiunge Nanda Furia, che questa mattina si è già presentata alla Direzione medica e ai primi colleghi, con l’idea di conoscere gli altri nel giro di qualche giorno, per stabilire con i vari reparti quella collaborazione efficace che concorre a fare la buona sanità. Lei ci crede molto, ed è già all’opera per fare la sua parte

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Vasto Opi Teramo

Potrebbero interessarti

L'assessore alla sanità della Regione Abruzzo fa alcune precisazioni dopo aver appreso della protesta del dottor Nando Del Giovane, in sciopero della fame da ieri davanti all’ospedale di Pescara.

Saranno posizionate ambulanze con infermiere di area critica per prestare soccorso qualificato in regime di urgenza. Per l’assistenza sanitaria di base, invece, i turisti potranno rivolgersi a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta presenti sul territorio.

Il dottore ha guidato l’unità operativa negli ultimi anni ed è stato nominato a seguito di un avviso pubblico bandito dalla Asl Lanciano Vasto Chieti.

Nei soggetti con infezione da SARS CoV-2 l’approccio chirurgico è decisamente più complesso.