Marted 19 Novembre 2019

Sanità

Donato un respiratore all’oncoematologia dell'ospedale Civile di Pescara

20/06/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

"Un esempio per tutta la comunità, un gesto pensato e portato avanti da giovani per alleviare le sofferenze di loro coetanei meno fortunati". Lo ha detto l'assessore alla Salute, Nicoletta Verì, che questa mattina ha partecipato alla cerimonia di consegna di un'apparecchiatura al reparto di oncoematologia pediatrica dell'ospedale di Pescara, donata dai ragazzi dell'Interact Pescara Ovest del Rotary Club.

Grazie al lavoro del gruppo del giovane presidente Francesco Iurilli, coordinato da Francesca Marino, è stata portata avanti una raccolta fondi che ha permesso di acquistare un particolare strumento per la ventilazione non invasiva per pazienti con insufficienza respiratoria, particolarmente adatto e tollerato dai bambini. L'iniziativa è stata intitolata "Il soffio di Aisha", in memoria di una piccola paziente che non è riuscita a vincere il male che l'aveva colpita.
"Questa struttura - ha aggiunto l'assessore - è centro di riferimento regionale, e al suo interno è stato sviluppato da anni un sistema di rete con le associazioni di volontariato e le altre strutture territoriali, che rappresenta un modello di integrazione valido ed efficace". 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Cicolini, già presidente dell'Opi, Ordine delle Professioni infermieristiche della Provincia di Chieti e membro del comitato centrale della Fnopi, è primo classificato nel concorso pubblico indetto dall'Università Aldo moro di Bari per infermiere ricercatore

Questa mattina, in sala Giunta del Comune di Pescara, si è svolta la annunciata Conferenza Stampa convocata per la Giornata Mondiale del Prematuro.

La giunta regionale, su proposta dell'assessore alla Salute Nicoletta Verì, ha approvato la delibera che fissa le linee metodologiche e normative per un'organizzazione efficiente e ben strutturata, in grado di integrare gli interventi territoriali e coordinarsi al proprio interno in modo razionale e condiviso.

Lo rileva unimportante Studio presentato a Chicago dal Servizio di Sanità animale della Asl Lanciano Vasto Chieti che sotttolinea I pericoli per l’uomo legati al consumo di carne cruda