Domenica 15 Settembre 2019

Politica

VINITALY: MARSILIO, "IN ABRUZZO ABBIAMO CANTINE DI QUALITA'"

11/04/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

(REGFLASH) Verona, 10 apr. - "Abbiamo vini di ottima qualità, l'export è in crescita e ciò testimonia come l'innovazione e la specializzazione seguite dalle cantine abruzzesi nel corso degli anni hanno portato qualità ai nostri vini. Siamo orgogliosi". Lo ha detto il presidente Marco Marsilio, in visita istituzionale oggi al Vinitaly di Verona. Il presidente ha incontrato i produttori e il presidente del Consorzio Vini d'Abruzzo, Valentino Di Campli. Nella visita, il presidente Marsilio è stato accompagno dal presidente della Commissione agricoltura del Consiglio regionale, Emiliano Di Matteo, e dal consigliere regionale Luca De Renzis, che hanno raccolto le istanze del comparto vitivinicolo. "Il vino - ha osservato ancora Marsilio - è un ottimo veicolo per promuovere il territorio. Il vino è intimamente collegato al territorio di origine, infatti attraverso il vino si scoprono la terra, il luogo, il paese e la cultura che lo hanno prodotto. E poi è un grande richiamo per il turismo ed è un veicolo di crescita sociale ed economica per una comunità". (REGFLASH) GILPET/190410

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gianluca Castaldi M5s è il neo sottosegretario ai Rapporti con il Parlamento. Delusione nel Partito Democratico

Si è riunito il tavolo tecnico-politico convocato congiuntamente dalla Regione Abruzzo e dalla Regione Molise per analizzare le problematiche degli operai pendolari molisani ed abruzzesi operanti nella Val di Sangro e trovare soluzioni efficaci e percorribili.

"La Regione Abruzzo deve intervenire quanto prima su Fosso Grande e occuparsi della sua manutenzione ordinaria, per evitare che, con l'arrivo della stagione invernale, le famiglie che abitano vicino al fiume Pescara possano subire danni alle loro abitazioni e alle loro attività".

Trasloco Centro Anziani Lanciano interviene Graziella Di Campli (Fi), atteggiamento Giunta Pupillo deplorevole e superficiale in danno fasce più deboli