Sabato 08 Agosto 2020

Politica

Code e disagi A14, dopo esposto del presidente Marsilio la Procura apre un fascicolo

30/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Code e disagi A14, dopo esposto del presidente Marsilio la Procura apre un fascicolo

Titolare dell'inchiesta che si occuperà di verificare se ricorrano profili penali è Il sostituto procuratore Sciarretta.

La Procura di Pescara ha aperto un fascicolo, nel quale al momento non figurano indagati, sulla base dell'esposto presentato l'altro ieri dal presidente della giunta regionale Marco Marsilio in riferimento ai disagi provocati dai lavori lungo il tratto autostradale abruzzese della A14. Il sostituto procuratore Luca Sciarretta, titolare dell'inchiesta, nei prossimi giorni compirà gli accertamenti necessari, al fine di verificare se ricorrano profili penali. Il governatore abruzzese, nell'esposto depositato presso le Procure di Pescara e Teramo, aveva sottolineato:“Una situazione insostenibile in entrambe le direzioni di marcia a causa della presenza di numerosi viadotti sotto sequestro da parte della magistratura, per indagini relative alle barriere di protezione”. Nell'esposto Marsilio ha messo in evidenza che la situazione è ulteriormente peggiorata con il periodo estivo e il conseguente aumento del traffico veicolare e dei tempi di percorrenza, causati dalle persone che vanno in vacanza. Una situazione che ha scatenato le proteste sia dei privati sia da parte delle associazioni di categoria che, a causa di questa situazione, hanno subito danni economici per quanto riguarda il trasporto delle merci.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Marco Marsilio

Potrebbero interessarti

"La Giunta Marsilio ha impresso un'accelerazione dei lavori del terminal bus "Francesco Paolo Memmo" che,oggi,sono stati affidati alla ditta realizzatrice;un segno tangibile che certifica un particolare riguardo per il territorio frentano.

Il coordinatore cittadino Memmo: Non c'è chiarezza rispetto allo stato reale dei lavori.

il deputato di Italia Viva annuncia in primis il suo impegno per la vertenza dei lavoratori della Yokohama di Ortona

L'assessore regionale ha espresso la volontà di portare la vertenza all'esame nazionale del Mise perché l'azienda chiarisca le ragioni della chiusura dello stabilimento abruzzese mettendo a rischio 84 posti di lavoro.