Marted 16 Agosto 2022

Miscellanea

Al via la prima campagna crowdfunding di Take Me Back, l’innovativo progetto di solidarietà ideato da due abruzzesi

05/08/2016 - Redazione AbruzzoinVideo

La richiesta di beneficenza arriva dal nord della Thailandia. Trecento bambini necessitano di materiale scolastico

Chieti, 3 agosto 2016 – E’ ufficialmente partita oggi alle 12:00 la prima campagna di crowdfunding firmata Take Me Back, l’innovativo progetto che propone un nuovo modo di fare solidarietà. La raccolta fondi è stata avviata per sostenere gli oltre 300 bambini di una scuola della provincia di Chang Rai, nel nord della Thailandia.

Take Me Back nasce dall’idea di Antonio Di Leonardo e Adrea Mariani, entrambi abruzzesi di Chieti, che grazie alla loro consolidata passione per i viaggi, hanno ideato l’iniziativa che rompe gli schemi comuni delle operazioni di solidarietà. Era il novembre del 2015 quando Andrea, con la moglie Erika, ha intrapreso un viaggio itinerante in Sri Lanka. Durante il percorso i due ragazzi hanno conosciuto una famiglia autoctona che li ha ospitati nella loro umile casa in mezzo alla giungla. Al momento dei saluti la madre di quella meravigliosa famiglia ha chiesto se fosse stato possibile inviarle le foto scattate da Erika durante quel pomeriggio passato insieme. Rientrati in Italia, Andrea ed Erika raccontano l’esperienza all’amico Antonio, da sempre appassionato di viaggi, che di lì a qualche mese raggiunge la famiglia in Sri Lanka e consegna fisicamente le foto documentando il tutto con un video. Ed è proprio racchiuso in questo gesto l’intento di Take Me Back: far parte di un progetto solidale in maniera personale e fortemente emotiva.

In seguito a questa intensa esperienza vissuta in prima persona, Antonio ed Andrea decidono di lanciare un messaggio sui social: “Se hai fatto una promessa a qualcuno all'altro capo del mondo, se vuoi inviare uno scatto, un cimelio, oppure semplicemente quattro righe per ringraziare una persona che è stata importante durante un tuo viaggio, Take Me Back fa al caso tuo. Se qualcun altro si troverà a percorrere la tua stessa strada, potrà rispondere alla richiesta e insieme condividerete un'esperienza meravigliosa”.

Ma i due ideatori, non ancora pienamente soddisfatti, decidono che a supporto delle richieste private, cioè quelle che mettono in contatto persone in tutto il mondo per la consegna di foto, doni e ricordi, è necessario ampliare il progetto con le richieste di beneficenza, ovvero dare un sostegno concreto attraverso una vera e propria raccolta fondi per acquistare beni e servizi di prima necessità.
 E la prima video richiesta non si è fatta attendere, è già arrivata e proviene dalla Thailandia. Scarpe, calze, penne, quaderni, matite, righelli, computer e impianto audio: questo chiedono i 300 bambini nell’emozionante video prontamente condiviso sulla pagina Facebook di Take Me Back: https://goo.gl/1Z5JEA

Abbiamo deciso di avviare una campagna di crowdfunding per comprare tutto il materiale che occorre – spiegano Antonio e Andrea - la raccolta fondi è già attiva e chiunque voglia donare, può farlo al seguente link:https://www.gofundme.com/tmb-thaischool”.

Il passo successivo – aggiungono – sarà trovare persone in partenza per la Thailandia, ovvero corrieri solidali, per effettuare le prime consegne. Quindi se siete in partenza o conoscete qualcuno che ha in programma un viaggio in Thailandia contattateci sulla nostra pagina Facebook https://www.facebook.com/takemebackproject/?fref=ts ”.

Ma questo è soltanto il primo passo di un progetto molto più ampio che mira alla creazione di un portale e di un’applicazione dedicati all’iniziativa attraverso i quali si potrà caricare video richieste, scambiare messaggi, mettersi in contatto, proporre iniziative, contribuire a campagne di crowdfunding e candidarsi come corrieri solidali.

 

Take Me Back insomma si pone come movimento innovativo di beneficenza basato sull’imprescindibile principio secondo il quale il viaggio non è solo vedere e immortalare nuovi paesaggi ma anche conoscere, toccare con mano e vivere nuovi orizzonti, quelli della solidarietà e dell’aiuto reciproco.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Si conferma anche quest’anno il successo della Befana del Vigile, iniziativa di solidarietà organizzata dal Comando di Polizia Municipale, guidato da Nicolino Casale.

Sull’intero complesso dello stadio di proprietà del Comune insistono vincoli che ne affermano la valenza storico-architettonica.

I caschetti sono ispirati al copricapo che i pompieri indossano in servizio e sono stati realizzati da due volontari Vigili del Fuoco del distaccamento di Montesilvano

È stato previsto di istituire una tariffa unica regionale da porre a carico dei professionisti che presentano l’Attestato di Prestazione Energetica