Giovedì 22 Febbraio 2024

Economia

Riaprono le Terme di Popoli, Marsilio: segnale importante per il territorio

04/08/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Riaprono le Terme di Popoli, Marsilio: segnale importante per il territorio

Il Presidente della regione Abruzzo: “Stiamo lavorando con curatela fallimentare per dare un futuro anche alle terme di Caramanico”

La riapertura delle terme di Popoli, avvenuta proprio questa mattina, è stata l’occasione per il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, di visitare la rinnovata struttura, in grado di garantire, fin da subito, i servizi di fangoterapia, insufflazioni, terapie riabilitative, ed incontrare il titolare della società che ha rilevato la proprietà dello stabilimento termale, il direttore sanitario Mariotti ed il personale in servizio.

“Questa riapertura – ha commentato Marsilio – rappresenta un segnale importante non solo per l’utenza che, dopo diverso tempo, è tornata a beneficiare di prestazioni sanitarie collegate all’utilizzo dell’acqua termale ma anche in termini di ricaduta turistica sull’intero comprensorio che gravita intorno a Popoli. Un risultato che va, ovviamente consolidato, ma che è stato possibile centrare al termine di un lungo ed articolato iter burocratico che ha visto impegnate Regione, amministrazione comunale di Popoli e la nuova proprietà della Terme Inn Popoli Srl, ciascuna per le proprie competenze, in un lavoro sinergico che ha consentito di accelerare le tappe. A giudicare dagli ambiziosi progetti di sviluppo della società che ha rilevato le Terme di Popoli – ha proseguito il Presidente – sembrano esserci tutti i presupposti affinché questa struttura possa essere ulteriormente potenziata ed aumenti l’appeal turistico dell’intera zona”.

A seguire, poi, il presidente Marsilio, accompagnato, come anche a Popoli, dagli assessori alla Salute, Nicoletta Verì, dall’assessore Nicola Campitelli, dal presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, e dai consiglieri regionali, Guerino Testa e Vincenzo D’Incecco, si è spostato a Caramanico Terme per fare il punto della situazione sulla struttura termale, chiusa da tempo, con il sindaco De Acetis ed imprenditori e commercianti di Caramanico.

“Prima della prossima primavera – ha spiegato Marsilio – non è pronosticabile la riapertura delle terme di Caramanico. Faremo, comunque, del nostro meglio per accompagnare la curatela fallimentare in questo percorso e cercare anche di evitare che qualche intoppo burocratico possa peggiorare questo cronoprogramma.

Attualmente, infatti, il destino delle terme di Caramanico – ha affermato Marsilio - è ancora nelle mani della curatela fallimentare che abbiamo incontrato più volte e che ci ha garantito che, al massimo, entro settembre o i primi di ottobre sarà in grado di pubblicare il bando per la vendita all'asta delle terme, quindi sia dell’albergo che dello stabilimento termale. Come Regione – ha sottolineato - stiamo collaborando con la curatela per cercare di risolvere un problema non semplice sotto il profilo giuridico-amministrativo. Infatti, - ha continuato - vorremmo fare in modo che la vendita dell'immobile possa andare di pari passo con la concessione delle acque così da generare anche una maggiore attrattività per gli investitori privati che, acquisendo lo stabilimento termale, avrebbero anche il diritto allo sfruttamento delle acque.

In parallelo, - ha aggiunto Marsilio - siamo pronti anche a riconoscere il nuovo accreditamento per il budget sanitario per permettere poi la convenzione con il servizio sanitario nazionale ai fini del rimborso delle cure. Nel frattempo, - ha detto ancora Marsilio - cerchiamo di sostenere l’economia del territorio con iniziative come quella del Festival dei Borghi a settembre e del mercatino di Natale. Siamo consapevoli del grande momento di difficoltà che stanno vivendo gli albergatori di Caramanico ma credo che grazie ad uno sforzo comune, - ha concluso il Presidente - la prospettiva per la prossima stagione sia ben diversa e possa regalare finalmente a Caramanico Terme quel definivo sviluppo turistico che forse non ha mai avuto in passato”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'Abruzzo prima Regione del Centro sud a firmare l’accordo con una dote più alta delle altre Regioni. L’annuncio della Meloni: «La Roma-Pescara di farà»

La presenza dell'amministratore delegato Carlos Tavares e di Jean Philippe Imparato, responsabile della Pro One Business Unit, sottolinea l'importanza strategica dello stabilimento, che mira a raddoppiare le vendite entro il 2030, in linea con il piano Dare Forward 2030 di Stellantis.

Esaminati progressi e prospettive del Polo che, con oltre 10 anni di attività e 130 imprese coinvolte, propone una revisione della Smart Specialisation Strategy per contribuire in modo significativo allo sviluppo regionale.

"Nonostante l'impegno della Regione Abruzzo attraverso l' “Accordo di Finanziamento per gli Interventi di credito agrario a medio termine," la situazione rimane critica".