Marted 27 Febbraio 2024

Cultura

Silone incontra la Perdonanza di Celestino V

22/08/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Silone incontra la Perdonanza di Celestino V

A Pescina, il 24 agosto, col CineTeatro “Sul trono di Pietra” nel Chiostro del Teatro di San Francesco

L’edizione 2019 del Premio Internazionale Ignazio Silone, prevista dal 17 al 28 agosto prossimo a Pescina (L’Aquila), organizzata dal Centro Studi Silone in collaborazione col Comune di Pescina, vedrà esibirsi nello splendido Chiostro del Teatro di San Francesco, il 24 agosto alle ore 21.15, l’attore e regista Milo Vallone con la sua compagnia (Luca Luciani, Luca Memmo Di Blasio, Vincenzo Di Ienno, Massimiliano Elia, Rocco Albano, Maria De Luca, Veronica Fantozzi e con la partecipazione in video di Cecilia Prosperi, Giuseppe Pomponio, Rossella Remigio, Nicky De Chiara, Gianni Franchi) nel CineTeatro “Sul Trono di Pietra ...verso i sentieri di Celestino”. “L’evento – così interviene la co-ideatrice e direttrice artistica dell’iniziativa Sara Cecala - si innesta nell’ambito della nascita del gemellaggio tra il Centro Studi Ignazio Silone ed alcune realtà culturali della città dell’Aquila per dar vita, con questo primo appuntamento, al Progetto per il decennale “L’Aquila / Pescina, Silone incontra la Perdonanza di Celestino V”, ideato assieme al giornalista Angelo De Nicola e sostenuto dal Sindaco di Pescina Stefano Iulianella e dalla presidente del Centro Ester Lidia Cicchetti per ripercorrere la produzione letteraria dello straordinario scrittore pescinese dedicata alle storie degli ultimi, tra cui i celebri “cafoni” di Fontamara. E’ lo stesso narratore - prosegue Cecala - che, spinto dalla curiosità e dal dramma di un personaggio storico e religioso controverso, qual è Pietro da Morrone, salito al soglio pontificio col nome di Celestino V, compone il saggio “L’Avventura di un povero cristiano”. Nel corso della pièce rievocheremo alcuni passi ispirati proprio al racconto siloniano, tratteggiando gli episodi più significativi, a partire dalla bellezza e spiritualità degli eremi vissuti da fra Pietro, sino al Soglio Pontificio e al celebre “Gran Rifiuto”. “Il secondo e ultimo evento della neo Rassegna - annota infine Sara Cecala -, recepito nel cartellone della edizione numero 725 della Perdonanza, si terrà a L’Aquila, il 30 agosto alle ore 21.15, all’interno del Colonnato dell’Emiciclo del Consiglio Regionale, dove proporremo un reading di teatro musicato che omaggia la straordinaria vita di un illustre concittadino, l’avv. Attilio Maria Cecchini.” “Il CineTeatro che portiamo in scena - chiude il regista e attore pescarese Milo Vallone - vuole essere la mia testimonianza artistica dedicata alla figura di Pietro Angelerio, riscoperta quasi per caso, che mi ha così affascinato da spingermi ad intraprendere un paziente lavoro di ricerca prima e narrazione poi, per divulgare quanto più possibile la caratura storico - religiosa di questo affascinante protagonista così contemporaneo”. L’ingresso allo spettacolo è gratuito, in caso di maltempo si terrà nell’attiguo Teatro di San Francesco.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Teatro

Potrebbero interessarti

Protagonisti i ragazzi delle Scuole Secondarie di primo grado degli Istituti Comprensivi “Don Bosco", "D’Annunzio" e "Don Milani" di Lanciano, che sono stati coinvolti in un percorso volto a sensibilizzare gli studenti sulle tematiche legate alle violenze sui minori.

Un progetto ideato e promosso dal presidente della Scuola civica di Musica De Grandis e sposato con interesse dall'assessorato all'Istruzione del Comune di Lanciano guidato dal dottor Angelo Palmieri

Lisa Di Giovanni, originaria di Teramo, è stata scelta dalla giuria per “lo straordinario contributo profuso nell’arricchimento e nella promozione della cultura e della ricerca nella Città di Roma”.

Al circolo Aternino sito di Pescara, nell'ambito di "Pescara in Arte", organizzata da Endas Abruzzo e curata dal critico d'arte Massimo Pasqualone, è stato presentato "Diamanti grezzi", il libro di Carlo Colucci. Il volume nasce dalla necessità di comunicare ai giovani seguendo la linea del cuore, e col cuore scritto.