Domenica 18 Aprile 2021

Cultura

Lo scrittore lancianese Remo Rapino tra i dodici semifinalisti del Premio Strega

12/03/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Lo scrittore lancianese Remo Rapino tra i dodici semifinalisti del Premio Strega

Il suo romanzo ha conquistato il cuore degli Amici della domenica

Lo scrittore lancianese Remo Rapino, con il suo romanzo “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio”, edito per la casa editrice minimum fax, è tra i dodici semifinalisti, scelti dalla giuria degli Amici della domenica, della LXXIV edizione del Premio Strega 2020. La notizia è apparsa alle ore 12 di oggi sul sito ufficiale del Premio. In realtà, la proclamazione dei semifinalisti sarebbe dovuta avvenire domenica 15 marzo, a Roma, nell’ambito dell’iniziativa Libri Come – Festa del Libro e della Lettura, manifestazione sospesa a causa delle disposizioni del governo per contenere la pandemia del corona virus.

 

Insieme a Rapino, compaiono gli scrittori Silvia Ballestra, Marta Barone, Jonathan Bazzi, Gianrico Carofiglio, Gian Arturo Ferrari, Alessio Forgione, Giuseppe Lupo, Daniele Mancarelli, Valeria Parrella, Sandro.

Il nuovo romanzo di Remo Rapino si inscrive all'interno di quel filone, prediletto dall'autore nelle ultime prove in prosa, che vede come protagonisti personaggi esclusi ed emarginati, considerati eccentrici quando non addirittura folli. Il "cocciamatte" Liborio, così lo definisce l'autore, fa parte a pieno titolo di questa schiera, e la sua storia, già abbozzata nella silloge di racconti Vite di sguincio (Carabba, 2017), è quella di un irregolare, di un "diverso", brulicante di rese e di riscatti, e intrisa di profonda umanità.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano

Potrebbero interessarti

Poste le basi per una possibile collaborazione finalizzata alla realizzazione di eventi culturali per la promozione del territorio pescarese.

Dopo il grande successo, con oltre 300 iscrizioni realizzate nella scorsa primavera, tornano i laboratori di innovazione audiovisiva e digitale di “Leo City”, progetto finanziato dal “Piano Cultura Futuro Urbano - Scuola Attiva la Cultura”, uno strumento del MiBAC che nasce per promuovere iniziative culturali nelle periferie delle città metropolitane e nei capoluoghi di provincia di tutta Italia.

Il quartiere, dove vivono 500 cittadini, 180 famiglie con 70 minori, grazie al progetto diventerà il primo sito Urban Land Art d'Abruzzo.

Lo fa sapere il Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti che il 9 febbraio scorso, aveva fatto richiesta di accesso agli atti per conoscere lo stato della pratica.