Domenica 25 Febbraio 2024

Cultura

Lanciano, la Rivolta lancianese del 5 e 6 ottobre del 1943, ricordata con una serie di iniziative

04/10/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
 Lanciano, la Rivolta lancianese del 5 e 6 ottobre del 1943, ricordata con una serie di iniziative

“La memoria non è un esercizio sterile, ma è fondamentale per difendere i principi di libertà e democrazia”dice la presidente Anpi Maria Saveria Borrelli.

E' un programma nutrito e intenso quello previsto per ricordare le giornate del 5 e 6 ottobre del 1943 e i suoi giovani martiri, figli di questa terra che hanno dato la vita in nome della libertà e della democrazia contro il nazifascismo. Lanciano città Medaglia d' Oro si prepara quindi a dare il giusto e meritato riconoscimento a un pezzo fondamentale della nostra storia. Uno dei momenti più significativi della giornata di domani è la fiaccolata “Memoria per la Pace” come sottolinea la presidente dell'Anpi Maria Saveria Borrelli.

“Mi auguro che siano davvero tanti a partecipare perché la memoria è importante, non un esercizio sterile e fine a se stesso – questa fiaccolata in nome della pace non è solo una cerimonia per quanto suggestiva, ma vuole essere ricordo vero dei martiri della rivolta e il percorso scelto intende proprio disegnare la mappa del sacrificio di questi giovani. E il loro sacrificio dovrebbe ricordare a tutti noi quanto sia importante la libertà e la democrazia, principi che vanno sempre difesi. In questi giorni sarà con noi Michele Petraroia, rappresentante dell'Anpi nazionale. Il percorso della fiaccolata – aggiunge la Borrelli - si snoda sulle Tracce di libertà che sono appunto i luoghi evidenziati dalle pietre di inciampo e da istallazioni, un progetto che ha visto la collaborazione dell'Anpi, del Liceo Artistico Palizzi, de L'Altritalia e del Comune”.

Il 7 ottobre presso l'Istituto Comprensivo D'Annunzio i ragazzi della III classe della scuola secondaria di primo grado incontreranno la scrittrice Erika Silvestri per parlare insieme del libro che gli studenti hanno acquistato e letto dal titolo “Il domani era venuto”. Si tratta della storia di due giovani partigiani. Sabato 8 ottobre invece sarà la volta della scuola primaria Rocco Carabba, e saranno le classi IV e V a dialogare con la scrittrice sui contenuti del libro “Il mio nome è Amal” storia di un ragazzo palestinese. “E' importante coinvolgere i giovani, i ragazzi, è fondamentale sensibilizzare le nuove generazioni alle vecchie e nuove resistenze”, conclude la presidente della sezione di Lanciano dell'Anpi.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano

Potrebbero interessarti

Protagonisti i ragazzi delle Scuole Secondarie di primo grado degli Istituti Comprensivi “Don Bosco", "D’Annunzio" e "Don Milani" di Lanciano, che sono stati coinvolti in un percorso volto a sensibilizzare gli studenti sulle tematiche legate alle violenze sui minori.

Un progetto ideato e promosso dal presidente della Scuola civica di Musica De Grandis e sposato con interesse dall'assessorato all'Istruzione del Comune di Lanciano guidato dal dottor Angelo Palmieri

Lisa Di Giovanni, originaria di Teramo, è stata scelta dalla giuria per “lo straordinario contributo profuso nell’arricchimento e nella promozione della cultura e della ricerca nella Città di Roma”.

Al circolo Aternino sito di Pescara, nell'ambito di "Pescara in Arte", organizzata da Endas Abruzzo e curata dal critico d'arte Massimo Pasqualone, è stato presentato "Diamanti grezzi", il libro di Carlo Colucci. Il volume nasce dalla necessità di comunicare ai giovani seguendo la linea del cuore, e col cuore scritto.