Lunedì 24 Febbraio 2020

Cultura

Chieti,assistenza scolastica alunni diversamente abili

18/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Chieti,assistenza scolastica alunni diversamente abili

Assessore Di Biase “Comune di Chieti e dirigenti scolastici stanno definendo necessità e priorità per ottemperare alle esigenze degli alunni con disturbi specifici”

“La mia cultura personale, famigliare e lavorativa ha sempre portato a confrontarmi con la disabilità. Conosco direttamente le problematiche che le famiglie si trovano ad affrontare nel quotidiano e ritengo che la scuola abbia il compito di sostenere i diversamente abili e ancor di più le istituzioni pubbliche come il Comune. Mi colpiscono e mi rammaricano, pertanto, le dichiarazioni rilasciate dalle sigle sindacali in merito all'assistenza scolastica specialistica prevista dalla legge 104/1992, perché non corrispondono al vero”. È il commento dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, Carla Di Biase, alle affermazioni diffuse dai sindacati sull’assistenza specialistica dei diversamente abili garantita dal Comune di Chieti. «Dal 16 settembre, data di inizio del nuovo anno scolastico così come stabilito dalla Regione Abruzzo – specifica l’Assessore Di Biase - il Comune di Chieti, per il tramite della Società Chieti Solidale, ha garantito l'assistenza scolastica agli alunni diversamente abili che fruiscono della legge 104 comma 3. Discorso diverso è quello attinente al comma 1 della stessa legge per il quale si è deciso, in accordo con i dirigenti, di riorganizzare il servizio in base alle priorità. Queste ultime, in particolare, saranno rilevate dalle schede che le stesse scuole ci forniranno, selezionando i casi in cui è sufficiente l'insegnante di sostegno, quelli in cui può intervenire il docente di potenziamento e, infine, dove è necessario l'intervento dell'assistente educativo. I dati forniti dai dirigenti scolastici, sovrapposti a quelli prodotti dal Comune, metteranno in evidenza le necessità. Tale modus operandi – prosegue l’Assessore – è stato illustrato questa mattina alle stesse mamme che, giustamente preoccupate, mi hanno contattata e ho ricevuto in assessorato. Ulteriori chiarimenti, inoltre, verranno forniti nel corso dell’assemblea pubblica convocata per il giorno 20 settembre al “Centro Ragazzi 2000” a cui parteciperò con documenti e numeri alla mano. Mi dispiace oltremodo - conclude l’Assessore – che intorno ad una problematica così delicata, che vede il coinvolgimento di chi soffre e combatte ogni giorno per vedersi riconosciuti i diritti elementari, si sia creato un ingiustificato allarmismo: alle sigle sindacali che mi avessero chiesto chiarimenti avrei potuto fornire ogni dettaglio in qualsiasi momento, così come fatto con le Onlus e le associazioni soggetti autistici e diversamente abili, i cui presidenti sono totalmente in linea nel definire priorità e metodo lavorativo. L’obiettivo da raggiungere è il perfetto equilibrio tra le esigenze degli alunni con disturbi specifici e il principio di efficienza delle risorse investite dai Comuni».

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti Sociale

Potrebbero interessarti

Il Caffè letterario Federiciano, associazione che ha come scopo di creare eventi e progetti di rilevanza sociale e promuovere sul territorio iniziative legate alla valorizzazione culturale, storica ed artistica di Teramo e Provincia sta cercando quaranta membri, per la realizzazione di una nuova Banda Musicale della città di Teramo.

Il progetto è finalizzato alla conoscenza delle congiunture di negazione dei diritti che hanno prodotto le leggi razziali

A moderare la doppia presentazione, il 21 febbraio dalle ore 18 all'interno del Centro Commerciale L’Arca di Spoltore, sarà la giornalista Alessandra Renzetti; saranno presenti Alessio Masciulli in veste di editore e scrittore del libro “Credi in me!” e la Professoressa Silvia Elena Di Donato, autrice della raccolta di testi poetici “La maschera di Euridice”.

200 studenti delle scuole di Lanciano hanno partecipato stamane, al Teatro Fenaroli, ad un incontro informativo sul Lodo di Pace stipulato tra le due Città il 17 febbraio 1472, grazie alla mediazione di San Giovanni da Capestrano.