Venerdì 19 Luglio 2024

Attualità

Stop produttivo alla Fca Italy di Atessa, Manzi (UIlm): “Stellantis investa in Italia e in Europa su aziende che producano questi componenti”

18/02/2023 - Redazione AbruzzoinVideo
Stop produttivo alla Fca Italy di Atessa, Manzi (UIlm): “Stellantis investa in Italia e in Europa su aziende che producano questi componenti”

“Una grande casa automobilistica come Stellantis, quarto produttore mondiale di veicoli a motore non può sottostare alla fornitura altalenante dei semiconduttori da parte dei paesi asiatici.

Lo stabilimento FCA Italy, ex Sevel, ferma nuovamente la produzione per mancanza di componenti. Una situazione che, dal 2019 ad oggi, riguarda principalmente la mancanza di semi conduttori e microchip. Se si considera che un veicolo moderno, e in questo caso il furgone commerciale leggero costruito nello stabilimento Stellantis di Atessa, può contenere migliaia di microchip, si può capire qual è la portata di questa crisi per il comparto automotive, crisi che non accenna a diminuire e che, per alcuni analisti, potrebbe perdurare fino al 2026. Se da un lato infatti la domanda di semi conduttori da parte della platea delle comunicazioni e del mercato informatico avrebbe raggiunto il picco massimo (l’inflazione sta portando le persone ad essere più caute nell’acquisto di computer portatili, smartphone e device tecnologici), dall’altra la crisi della componentistica elettronica, anche secondo le previsioni dello stesso amministratore delegato di Stellantis, Carlos Tavares, durerà ancora per tutto il 2023 per il gruppo motoristico che può contare su due-tre fornitori che in questo momento stanno avendo grossi problemi di approvvigionamento sia delle materie prime che nell’assemblaggio.

“L’industria europea e una grande casa automobilistica come Stellantis, quarto produttore mondiale di veicoli a motore – non possono sottostare alla fornitura altalenante dei semiconduttori da parte dei paesi asiatici." Così il coordinatore della Uilm Abruzzo, Nicola Manzi in una nota. "In Europa stabilimenti che producono microchip sono presenti in Francia, Germania, Paesi Bassi ed anche in Italia a partire dalla LFoundry di Avezzano. Se Stellantis vuole guardare anche oltre il 2023 e superare lo stallo produttivo, dovrà investire in Europa su aziende che garantiscano la fornitura dei semiconduttori per rendere autonoma la produzione dei veicoli commerciali leggeri e delle auto. Non riuscire a produrre il Ducato nello stabilimento di Atessa crea danni economici ai lavoratori diretti e indiretti e favorisce i marchi concorrenti che stanno approfittando delle difficoltà di casa Stellantis per produrre prodotti simili che ancora tirano moltissimo sul mercato, come conferma l’alto numero di commesse di Fca Italy che però lo stabilimento non riesce ad evadere”.

 

Foto, Nicola Manzi, coordinatore Uilm

“E’ il momento di investire in stabilimenti che possano rendere l’Europa non più alle dipendenze dei paesi asiatici – incalza Manzi – la stessa presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen ha ricordato nel 2022 nel Digital summit di Tallin in Estonia che “senza chip non c’è economia moderna”. Quasi l’80% dei fornitori delle aziende europee che operano nel settore dei semiconduttori ha sede al di fuori dell’Unione Europea: è giunto il momento di invertire la rotta”. “Come sottolineato dal segretario generale della Uilm, Rocco Palombella, al recente tavolo del Mimit con Stellantis – conclude Manzi - è necessario accelerare i tempi delle misure da mettere in campo, che prevedano la ridefinizione dell’intera filiera della componentistica, compresi i semiconduttori e la creazione di una rete infrastrutturale presente in tutta Italia, Abruzzo compreso. Per farlo Governo e Regione Abruzzo non possono restare a guardare.”

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Atessa Sevel

Potrebbero interessarti

La Polizia di Stato rilancia “Questo non è amore”, la campagna permanente di comunicazione contro la violenza di genere, attraverso uno spot televisivo e sui canali social.

Durante la serata sono stati conferiti due prestigiosi Paul Harris Fellow a Flavia Antonacci e Barbara Rosati per il loro impegno sociale.

L'Olio Extravergine d'Oliva abruzzese si appresta a ricevere un prestigioso riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP), soddisfazione di Cia Abruzzo.

L’iniziativa intende favorire l’incrocio domanda/offerta con il coinvolgimento diretto delle aziende interessate alla ricerca di personale.