Domenica 19 Settembre 2021

Turismo e Natura

Via Verde Costa dei Trabocchi, i sindaci chiedono incontro a Regione e Provincia su futuro ex stazioni e aree di risulta

04/09/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Via Verde Costa dei Trabocchi, i sindaci chiedono incontro a Regione e Provincia su futuro ex stazioni e aree di risulta

I sindaci di Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Torino di Sangro e Vasto, ribadiscono la volontà di procedere all'acquisto prima della scadenza del comodato d'uso gratuito.

“Convocare al più presto un incontro al fine di definire al meglio le modalità di acquisto degli edifici delle ex stazioni ferroviarie e delle aree sulla Via Verde, compresa la pinetina di Rocca San Giovanni, ancora oggi di proprietà di Ferrovie dello Stato. Sul tavolo abbiamo una vera e propria risorsa per l’economia turistica non solo dell’area della Costa dei Trabocchi, ma dell’intero Abruzzo che, sicuramente, se ben coordinato, beneficerà dell’affluenza turistica che sin da ora si sta registrando sulla Costa”. E’ quanto sostengono i sindaci Leo Castiglione (Ortona), Emiliano Bozzelli (San Vito Chietino), Giovanni Di Rito (Rocca San Giovanni), Enrico Di Giuseppantonio (Fossacesia), Nino Di Fonso (Torino di Sangro) e Francesco Menna (Vasto), i quali, dopo una riunione tenuta nei giorni scorsi, hanno inviato una nuova richiesta al Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, a Mario Pupillo, Presidente Provincia di Chieti, agli Assessori regionali al Demanio Nicola Campitelli e al Turismo, Daniele D’Amario, per convocare un incontro nel quale si giunga alla definizione della questione.

Nella missiva, si ribadisce la volontà da parte dei primi cittadini delle località che ricadono sulla Costa dei Trabocchi, di procedere all’acquisto, prima del dicembre 2021, termine entro il quale scadrà il contratto di comodato d’uso gratuito a favore dei centri della Costa delle ex stazioni e del patrimonio residuo delle aree di risulta dell'ex tracciato della linea ferroviaria Adriatica, tra Vasto ed Ortona. “La convocazione di un tavolo servirà per discutere sul contributo che la Regione vorrà accordarci, attingendo ad esempio dai fondi europei, stanziati per il rilancio economico dell’Italia dopo la pandemia, e che potrebbero contribuire a dare una decisiva svolta al turismo abruzzese. Si tratta di 524.716 mq di terreni e 7.302 mq di fabbricati, per i quali abbiamo elaborato una strategia unica, con soluzioni urbanistiche che tengono conto degli elementi paesaggistici, costruttivi, infrastrutturali e per servizi, nel rispetto dei temi della sostenibilità, dell’ambiente dei nostri territori. Attendiamo quindi di riunirci al più presto con che Regione e Provincia per far divenire concreta questa grande occasione per il turismo, una risorsa tangibile per lo sviluppo dell’intero territorio regionale”.

Il sindaco Enrico Di Giuseppantonio, inoltre, afferma:" i comuni devono essere subito coinvolti anche nella programmazione della gestione di tutta la Via Verde, con la sua pista ciclo-pedonale e le sue aree ed i suoi edifici che ospitavano le stazioni. Restiamo in attesa di una riunione. Uniti avremo i finanziamenti per far decollare una delle opere davvero utili per l'economia turistica abruzzese".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Continua nello scalo Pescarese l'incremento dei transiti, in estate sono stati oltre 350mila.

In Abruzzo oltre tremila passeggeri sui treni per il mare. Centrato l'obiettivo di Trenitalia di puntare sul turismo di prossimità.

Dopo la sua costruzione, avvenuta un anno fa, si erano registrate molte reazioni negative, pervenute anche al di là dei confini regionali, prima fra tutte quella del sindaco Enrico Di Giuseppantonio.

Gratuito l’accesso delle bici a bordo dei treni regionali