Mercoledì 25 Novembre 2020

Sanità

Coronavirus, alla Covid Hospital di Pescara videochiamate per contrastare la sindrome di isolamento

21/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, alla Covid Hospital di Pescara videochiamate per contrastare la sindrome di isolamento

I tablet, utilizzati sin dalla prima ondata della pandemia, rappresentano uno strumento fondamentale per annullare la distanza tra il paziente colpito dal virus e i suoi familiari

La ASL di Pescara già nella prima fase dell’emergenza Covid-19 ha scelto di utlizzare questa modalità per favorire la comunicazione tra chi è ricoverato e chi è a casa in attesa di informazioni sui propri cari. In brevissimo tempo, nelle Terapie intensive e subintensive, nei reparti di degenza e di osservazione del Covid Hospital di Pescara, sono stati messi a disposizione alcuni tablet che permettono il contatto vocale e visivo tra paziente e familiare. La videochiamata è uno strumento importante per contenere la “sindrome da isolamento” che spesso accompagna chi è affetto da Covid-19, ed i tablet affidati al personale sanitario dei diversi reparti servono a far sentire la voce e a mostrare i volti dei familiari di chi si trova in ospedale. La trasformazione degli spazi che hanno permesso la realizzazione del Covid Hospital è stata rapidissima, ha richiesto un impegno multidiscplinare e di grande coordinazione tra le varie professionalità, ed è stata condotta senza mai trascurare l’aspetto dell’umanizzazione della cura. Proprio la consapevolezza di quanto sia importante per chi è ricoverato avere accanto a sé una persona cara, nonostante il Covid-19 impedisca ogni tipo di contatto diretto, ha permesso di individuare nella dotazione dei tablet, e nell’uso della videochiamata, la concreta possibilità di alleviare la sofferenza di chi non può incontrare i propri familiari.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Un documento dettagliato e puntuale, che disciplina la gestione territoriale, ospedaliera e la terapia da somministrare ai pazienti Covid, delineando anche quali sono le procedure da attivare nella fase post infezione.

Grazie all'impegno del Comune è stata già allestita l'area che sarà protetta anche da un servizio di videosorveglianza.

La campagna di screening massivo interesserà la provincia dell'Aquila.

Il manager della Asl Lanciano Vasto Chieti si dice sorpreso: "Una mobilitazione di amministratori per un problema che non esiste"