Sabato 20 Luglio 2024

Sanità

Aborto in Abruzzo, impennata di RU486 nel 2021 e obiettori di coscienza tra il 75 e il 90%

30/09/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Aborto in Abruzzo, impennata di RU486 nel 2021 e  obiettori di coscienza tra il 75 e il 90%

Foto Ansa

Dai 196 casi in cui le donne ne hanno fatto uso nel 2019 ai 527 del 2021

Impennata di RU486 nel 2021 in Abruzzo, la pillola abortiva è un farmaco che termina la gravidanza. Il nome medico della pillola abortiva è mifepristone. Il farmaco agisce bloccando l'ormone progesterone. In assenza di progesterone, il rivestimento dell'utero si rompe e la gravidanza non può continuare.

Nel 2019 l'utilizzo del farmaco aveva visto 196 utilizzatori che nel 2020 erano saliti a 214. Lo scorso anno sono stati invece 527 i casi in cui le donne ne hanno fatto ricorso.

Un aumento di ben oltre il 100%., soprattutto nella provincia di Teramo. Stabili invece le interruzioni di gravidanza, che si attestano a 1300 circa l'anno. Con una nota del 2021 la Regione Abruzzo aveva raccomandato la somministrazione della Ru486 in ambito ospedaliero e non consultoriale, a maggior tutela delle pazienti in caso di effetti avversi che nei consultori potrebbero non essere trattati adeguatamente.

Per quanto riguarda gli obiettori di coscienza nella Asl di Pescara sono oltre 90 per cento mentre per le interruzioni di gravidanza c'è un'unità operativa specificamente dedicata alle Ivg a Penne. A Teramo gli obiettori arrivano all'80%., e le interruzioni si fanno all'ospedale di Teramo; a Chieti obiettori oltre il 90%. Le interruzioni si fanno all'ospedale Lanciano. Per l'Aquila le interruzioni si effettuano all'Aquila e Avezzano. La media degli obiettori nella Asl è del 75 per cento. 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La volontà della Regione Abruzzo di individuare la zona di Villa Mosca per la costruzione del nuovo ospedale ci soddisfa pienamente dichiara in una nota il segretario provinciale UGL Salute Stefano Matteucci.

Verì: Già deliberato l’incremento di risorse per la realizzazione del nuovo nosocomio

Le novità in tema della revisione del vincolo di esclusività del professionista sanitario pubblico dipendente, introdotte nel periodo pandemico, vengono prorogate e riviste, in funzione della perdurante e profonda crisi della presenza di professionisti sanitari nel sistema salute italiano.

All’ospedale di Chieti l’équipe di Umberto Benedetto, Direttore del Dipartimento Cuore e della Cardiochirurgia, ha aperto la strada alla cardiochirurgia robotica con un intervento di bypass coronarico utilizzando il “Da Vinci” in dotazione all’ospedale.