Marted 11 Agosto 2020

Politica

Problemi dragaggio: Emilio Nasuti presenta interrogazione in Consiglio Regionale

25/01/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

25 gennaio 2012. Dopo i grossi problemi che sta attraversando la marineria di Pescara, per il mancato dragaggio del Porto, ora il problema tocca anche il Porto di Ortona.

“Stiamo rivivendo lo stesso film di Pescara – ha detto il Presidente della I Commissione Bilancio della Regione Abruzzo, Emilio Nasuti – dove si mettono in discussione le analisi dell' Agenzia Regionale per la Tutela Ambientale, Arta. A questo punto – continua Nasuti – io non metto in discussione che gli ambientalisti facciamo il loro dovere, anzi, più c'è attenzione sull'ambiente meglio è per tutti. La domanda che mi pongo è se l'Arta risulti essere ancora autorevole oppure no, perché ogni volta che le loro analisi vengono messe in discussione si bloccano i lavori, per capire, poi, chi se non l'Arta debba fornire i propri pareri per procedere con il dragaggio, sicuramente andiamo in difficoltà. Allora mi faccio carico di una interrogazione che porterò in Consiglio Regionale per capire se l'Arta ha la competenza, l'autorevolezza per consentire il proseguimento dei lavori. Non verrei che ci trovassimo, con un nuovo esodo come è già accaduto, ma questa volta i pescherecci di Ortona e Pescara, insieme, da mandare in un porto delle Puglia, questo non è tollerabile”.

 

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Continua a tenere banco la vicenda della seconda Tac, dopo Fratelli d'Italia interviene anche la Lega con l'affondo di Fausto Memmo.

Il consigliere regionale del M5s, nonchè vice presidente della Commissione Sanità, annuncia inoltre che porterà il caso in Commissione Vigilanza.

Dopo gli incendi che hanno colpito per sei giorni il capoluogo d'Abruzzo ovvero la frazione di Arischia e i quartieri di Pettino-Cansatessa, la Regione, ha dato seguito alla richiesta formulata dal Comune dell'Aquila.

“I fondi Masterplan per la riqualificazione delle aree di risulta di Pescara non sono né persi, né congelati, né tantomeno spariti.