Venerdì 26 Febbraio 2021

Politica

Mario Negri Sud, Neuromed investe a Celano, Gruppo FdI provincia Chieti: svanisce cosi ogni speranza di vedere rinascere il Centro di Ricerche di Santa Maria Imbaro

26/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Mario Negri Sud, Neuromed investe a Celano, Gruppo FdI provincia Chieti: svanisce cosi ogni speranza di vedere rinascere il Centro di Ricerche di Santa Maria Imbaro

“La Marsica gioisce ed il chietino piange grazie all’incapacità del presidente Pupillo che si è lasciato sfuggire un’operazione strategica per il rilancio economico ed occupazionale del territorio” .

“È dei giorni scorsi la notizia che il gruppo Neuromed, il colosso molisano della sanità privata, sia entrato a far parte della gestione della Clinica Immacolata di Celano, dove realizzerà un istituto di ricovero e cura a carattere scientifico ed un ospedale nel quale verranno svolte attività di ricerca e gestione dei servizi sanitari. Un’importante progetto che, inquadrato come contributo alla ricerca, riuscirà anche ad ottenere cospicui finanziamenti dal Ministero. Un piano ambizioso che sembra prevedere anche il rientro in Abruzzo di una ventina di ricercatori dell’ex Mario Negri sud. Secondo alcune indiscrezioni, nella marsica si trasferirebbe il professor Giovanni di Gaetano, dal 2018 presidente dell’Irccs di Pozzilli e biologo di fama internazionale, fondatore e direttore storico del Mario Negri sud. Insomma la Marsica gioisce ed il chietino piange, possiamo riassumere così quanto accaduto." È quanto si legge in una nota del gruppo di FdI al Consiglio Provinciale di Chieti che interviene sulla fuga del Gruppo Neuromed dal frentano per approdare a Celano, ed attacca il presidente della Provincia Mario Pupillo reo di essersi fatto sfuggire un’operazione strategica per il rilancio economico ed occupazionale del territorio. “Un altro colpo al cuore per il territorio chietino, una ferita che si riapre questa volta definitivamente.”

Foto, Pierdomenico Tiberio

 

Scrivono i consiglieri provinciali Gabriele Di Bucchianico, Elisa Marinelli e Pierdomenico Tiberio, che ricordano quando nel 2019 la Neuromed contattò l’amministrazione provinciale di Chieti ed il presidente Pupillo per presentargli una proposta ambiziosa per l’ormai fatiscente complesso del Mario Negri sud di Santa Maria Imbaro, progetto che non riuscì mai a concretizzarsi.

 

 

Foto, Elisa Marinelli

 

“Pupillo si era detto ottimista e disse anche che avrebbe fatto di tutto per chiudere la trattativa, ed oggi probabilmente avremmo scritto una pagina diversa da quella che leggiamo in questi giorni sulla stampa. – Continua la nota di FdI - Il Mario Negri sud sarebbe stata la collocazione naturale per una società come la Neuromed che si occupa di ricerca scientifica a carattere nazionale. Assistiamo invece, ancora increduli, all’ennesimo fallimento di una Provincia amministrata male e che in questi anni ci ha riservato solo brutte figure. Non ultima la vicenda, dell’affidamento del Mario Negri Sud ad una Onlus che alla fine, si scoprì tardivamente, che pagò con un assegno scoperto e di cui non si è seppe più nulla. Ci verrebbe da dire dilettanti allo sbaraglio in danno del territorio e della comunità. – continua la nota del gruppo FdI in consiglio provinciale - Un’azione politica inconsistente quella di Pupillo che dal 2014, data del suo insediamento, ad oggi, non è riuscito a creare nessuna opera strategica degna di questo nome, nessun progetto concreto che potesse rilanciare economicamente e a livello occupazionale la nostra realtà. Oggi il territorio della provincia di Chieti, che aveva tutte le potenzialità, avrebbe potuto gioire della rinascita di un Centro di ricerca che rappresenta una eccellenza nel campo medico. Un’opportunità che invece il Presidente Pupillo si è lasciata scivolare, anche questa volta, nella sua incapacità e nella sua arroganza”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il progetto dell’amministrazione comunale di messa in sicurezza del colle dell’Acquabella ottiene il finanziamento nazionale

Tonia Paolucci: restringere le aree dove più spesso vengono segnalati assembramenti di ragazzi (ma anche di anziani), consentirebbe di migliorare i controlli e applicare sanzioni più puntuali ai trasgressori.

Masci: "La Regione faccia presto per l’affidamento definitivo. Il Comune è pronto a fare la sua parte per tutelare un luogo-simbolo"

“Il ministro ha garantito pieno impegno nei confronti delle Regioni per evitare che, entro poche settimane, questi deficit vadano a tradursi in pesanti tagli ai servizi essenziali che sono le Regioni e i Comuni sui territori.”