Giovedì 22 Febbraio 2024

Politica

Emergenza Neve: trecento volontari sul "campo" regionale

07/02/2012 - Redazione AbruzzoinVideo

7 febbraio 2012.  La Giunta Regionale ha deliberato lo stato di emergenza di tipo 'B' per i territori colpiti dalle nevicate dei giorni scorsi, che hanno interessato e che interesseranno nelle prossime ore, la Regione Abruzzo. Il Comitato Operativo Regionale per le Emergenze, riunutosi ieri, ha il compito di sviluppare la propria azione per assicurare la direzione unitaria ed il coordinamento delle attività emergenziali. Il tavolo, presieduto dal presidente della Regione, Gianni Chiodi - presenti gli assessori Gianfranco Giuliante, Protezione civile e Giandonato Morra, trasporti e viabilità - ha evidenziato le criticità registrate in queste emergenza e ha individuato le strategie per risolverle nel più breve tempo possibile. Ferme restando le competenze proprie dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia e degli altri livelli istituzionali, con questo tavolo la Protezione Civile regionale assume il coordinamento degli interventi dei settori interessati al soccorso in tutto il territorio regionale. Il Comitato riassume ed esplica, con determinazione definitiva tutte le competenze in ordine all' azione da svolgere ai fini di protezione civile. "Teniamo a ribadire, così come previsto dalla legge", ha detto Giuliante, "che i Sindaci sono le massime autorità di Protezione Civile del territorio così come ai Comuni, alle Province, all' ANAS e alla Società Autostrade compete di operare nel settore viabilità anche, laddove necessario, con precettazione di mezzi e persone per ottenere nel più breve tempo possibile condizioni di normalità". "La scelta dello stato di emergenza regionale di tipo B si è reso indispensabile per dare una risposta immediata all? emergenza in corso e consente di non aumentare le tasse ai cittadini abruzzesi così come previsto dalla legge in caso di emergenza autorizzata dal Governo (tipo C)". "Era dal 1956 che l'Abruzzo non veniva interessato da un evento climatico così importante" ha detto Chiodi, "e questo ha comportato e comporterà ancora disagi e richiederà l'impegno di tutte le istituzioni interessate e di tutti i cittadini che con la loro collaborazione contribuiranno al ripristino della normalità nei tempi più rapidi possibili". "Abbiamo rilevato che nei territori di competenza delle amministrazioni provinciali di Pescara, Chieti e Teramo a situazione è confortante: le attività dei sindaci stanno procedendo regolarmente con i piani neve e che Anas e province stanno liberando tutte le strade di loro competenza". "Per queste provincie restano solo marginali difficoltà che potranno essere affrontate nelle prossime ore". Parole di Chiodi: "All'Aquila la situazione è un po' più complicata: ci sono ancora 8 frazioni isolate, così come si registrano situazioni di disservizi nella forniture elettrica dovuti a guasti alla rete causati dalla neve". "All'inizio dell'emergenza questa situazione interessava circa 20 utenti in tutta la regione che oggi si sono ridotti a circa 1200 nella provincia dell'Aquila e a circa 150 in quella di Pescara". "Enel ha assicurato che sta ottenendo risultati e che i problemi incontrati per il ripristino del servizio sono connessi soltanto alle difficoltà a raggiungere le zone di intervento". "Con il contributo dell'esercito che ha impiegato appositi mezzi cingolati ("bruco"), stiamo raggiungendo le comunità che erano in condizioni di isolamento fornendo loro viveri e medicinali necessari". "Entro domani contiamo di raggiungere il 100 per 100 delle località ancora isolate". Oggi, sette febbraio, infatti, sono sul campo circa 300 volontari in tutto il territorio della Regione Abruzzo. Ad annunciarlo il Presidente della Regione Abruzzo Gianni Chiodi e l'assessore alla Protezione civile, Gianfranco Giuliante. Gli interventi, tuttora in corso, sono: ausilio per lo sgombero neve nei Comuni di Atessa, Ateleta, Castiglione a Casauria, Villetta Barrea, Barrea, Castel Di Sangro Basciano, L'Aquila, Teramo, Acciano, Avezzano, Tornareccio, Montazzoli, Gioia Dei Marsi e Lecce Dei Marsi, Magliano dei Marsi, Tortoreto, Giulianova, Mosciano; Trasporto medicinali, dializzati e medici da e per i vari ospedali nei Comuni di L'Aquila, Chieti, Borrone, Città Sant'Angelo, Chieti, Elice, Bisenti, Avezzano, Gioia Dei Marsi; Assistenza alla popolazione nei Comuni di Ortona, Roseto, L'Aquila, Cagnano Amiterno, Montenerodomo, Trasacco, Gioia Dei Marsi, Lecce Dei Marsi, Castellafiume, Tagliacozzo e nella Valle Roveto dove tra ieri sera e oggi sono stati portati 1400 Kg di generi di prima necessità presso il presidio avanzato di San Vincenzo Valle Roveto (scuola elementare) e 500 kg presso il Comune di Sante Marie mediante il gatto delle nevi. Le criticità: attualmente risultano isolate alcune frazioni di Trasacco (strada 37 e 38) dove risultano insistere circa 30 casolari. Sulla direttrice Trasacco-Avezzano risultano fermi 6 Tir che trasportano ognuno 20.000 litri di liquido altamente pericoloso. La Protezione Civile, tramite il volontariato, sta predisponendo un servizio di scorta per consentire il deflusso dei mezzi. A Roccacerro (Tagliacozzo) risulta una famiglia isolata. A Santa Vittoria (Montereale) risulta bloccata l'erogazione dell'acqua. Oltre alle linee elettriche già ripristinate dall'Enel, anche mediante l'utilizzo di generatori ausiliari, si sta provvedendo da parte della Protezione Civile Regionale al trasporto, tramite la Croce Rossa, di un altro generatore nella Valle Roveto e al Trasporto sale nei Comuni della Valle Roveto.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

abruzzo neve chiodi volontari

Potrebbero interessarti

Marsilio: giovedì la delibera in Conferenza Stato Regioni

L’arteria, chiusa dal 2017, è strategica per l’intera area Vestina, ed è molto trafficata per via del collegamento con la Statale 151 e la Statale 81.